Anelli di fidanzamento

Gli anelli di fidanzamento sono il pegno d’amore che l’uomo regala alla donna quando la chiede in sposa. Quante volte ci è capitato di sognare e immaginare quell’elegante scatolina di velluto da meno di 10 centimetri per lato? Quante volte siamo rimaste immobili davanti ad una vetrina a sognare quello o quell’altro anello? L’anello di fidanzamento è un pegno d’amore, un passaggio importante della vita a due, la conferma di un amore che verrà consacrato con il matrimonio.

L’anello di fidanzamento in teoria dovrebbe essere un regalo che l’uomo fa alla sua donna, una sorpresa, ma dato che ci si investono parecchi soldini, diciamo che qualche dritta o addirittura la scelta insieme, è quasi la normalità. L’anello di fidanzamento non ha regole ben precise, anche se i diamanti, l’oro e le perle hanno sempre una marcia in più.

Per quanto riguarda i modelli i più amati e desiderati sono tre. Il Solitario che presenta un diamante o una pietra centrale in questo caso il prestigio risiede nel numero dei carati. La Verette è un anello formato da un pavè di diamanti o pietre disposti a fascia o intervallati e poi la Fedina che è un modello molto minimal ma comunque prezioso e chic.

L’anello di fidanzamento si porta nell’anulare sinistro perché è dove risiede la “vena amoris”, una vena che collega il dito al cuore, la vena dell’amore. Una volta sposati si può portare solo la fede e cambiare dito all’anello di fidanzamento oppure portarli insieme all’anulare sinistro. Scegliete un anello classico e sobrio, ricordate che è destinato a durare tutta la vita, quanto il vostro amore!