Migliorarsi

MigliorarsiOgni essere umano nasce con la predisposizione e le capacità per migliorarsi. Infatti ciascuno di noi ha delle caratteristiche indeclinabili, che fanno parte del suo corredo genetico delle sue prime esperienza di vita, soprattutto quelle maturate nell'infanzia. Ma dal momento che siamo dotati di una facoltà straordinaria che si chiama libero arbitrio, abbiamo sempre la possibilità di potenziare le nostre qualità migliori e superare limiti, blocchi, cattive inclinazioni, oppure di fare l'esatto opposto.

Tutto, nella vita, è frutto di una scelta, per questo farlo in maniera consapevole e in un progetto di progresso ed evoluzione individuale sul piano caratteriale, emotivo, spirituale e anche professionale, è sicuramente lo spirito giusto con cui affrontare ciò che ci accade. Come possiamo migliorarci, quali strumenti abbiamo a disposizione? Senza dubbio tantissimi, sta a noi scegliere quelli che troviamo più adeguati alle nostre esigenze.

Alcuni, però, sono comuni a tutti. E' noto il ruolo potente dell'istruzione nel plasmare la mente, e fornire quelle nozioni necessarie per imparare a capire il mondo circostante e le sue regole, e per decifrare i vari codici che i popoli nel tempo hanno elaborato per vincolare e rendere fruibile il proprio patrimonio culturale. Leggere (libri, giornali, saggi), viaggiare, imparare nuove lingue, sono altrettanti modi per aprire la propria mente e diventare sempre più consapevoli e mentalmente elastici. Ma imparare, apprendere nuove nozioni non basta.

Migliorarsi significa anche mettersi alla prova dal punto di vista caratteriale, dal punto di vista sentimentale, emotivo. Ad esempio, se siamo consapevoli dei nostri limiti, delle nostre paure, magari legate ad eventi del passato che ci hanno provocato piccoli e grandi traumi, possiamo anche cercare gli strumenti giusti per uscirne, e rinascere più forti e disponibili verso gli altri, più capaci di sorridere e goderci la vita.

Spesso l'egoismo, la diffidenza, l'aggressività, nascono solo dalla paura, dall'ignoranza, dalla pigrizia. Migliorarsi significa che avere il coraggio di superare questi difetti, queste ottuse ma rassicuranti posizioni e mettersi in gioco, provare ad indossare i panni degli altri prima di emettere giudizi senza appello. Anche il razzismo, alla fine, non è che paura dell'altro, di ciò che ci sembra diverso e quindi minaccioso. Trovando, invece, i punti di contatto con gli altri esseri umani, di qualunque origine e cultura siano, possiamo progredire, ampliare la nostra visione delle cose, e il nostro esempio sarà sprone per altri.

Ecco perché sforzarsi di tendere sempre al meglio delle nostre potenzialità è così importante, se tutti cerchiamo di tirare fuori i nostri sentimenti più veri e profondi, di sviluppare le nostre qualità migliori e i nostri talenti (ognuno di noi ne ha almeno qualcuno), possiamo rendere il mondo un posto più evoluto e più accogliente per tutti.