Come fare in casa delle gustose barrette energetiche vegane ai mirtilli

Per le sportive che amano mangiare in modo salutare, ecco la semplice ricetta delle barrette energetiche vegane ai mirtilli. Un sano snack fatto in casa quando serve un veloce apporto di zuccheri.

Essere attente alla salute e alla linea è una prerogativa principalmente femminile, tanto che arrivato il cambio di stagione ci rimettiamo in forma con fitness e dieta per essere splendenti per l'estate. Se abbiamo un programma di attività fisica ferreo, di certo avremo bisogno di calmierare l'apporto calorico allo sforzo, magari integrando il menù giornaliero con dei bonus zuccherini dati dalle ben note barrette energetiche.

Se non amiamo la versione confezionata, piena di ingredienti non proprio genuini, perché non provare a fare in casa delle gustose barrette vegane ai mirtilli? In questo modo avremo un prodotto sano, dal sicuro effetto energizzante e totalmente privo di proteine animali. Vediamo insieme la ricetta suggerita da Pinkblog.

Per una quindicina di barrette servono: 200gr di mandorle tostate, una manciata di semi di sesamo, una manciata di semi di girasole, due bicchieri di fiocchi d'avena, un bicchiere di mirtilli rossi disidratati, due bicchieri di mirtilli neri disidratati, un bicchiere scarso di sciroppo d'acero, un cucchiaino colmo di cannella in polvere.

Maciniamo nel mixer le mandorle con i semi di sesamo, i semi di girasole e i fiocchi d'avena fino a quando il composto non sarà più farinoso. Travasiamo la miscela ottenuta in una ciotola capiente e mescoliamola con i mirtilli disidratati, la cannella in polvere e lo sciroppo d'acero. Inumidiamo le dita e lavoriamo leggermente il composto, dopo di che stendiamolo su una teglia foderata con carta forno, livellando la superficie dell'impasto con il fondo di un cucchiaio.

Cuociamo in forno preriscaldato a 140° C per un'oretta, fino a che l'impasto non sarà ben dorato. Dopo di che lasciamo freddare, sformiamo dalla teglia e tagliamo la tavoletta ai mirtilli in tanti quadrotti. Conserviamo le barrette così ottenute in un contenitore di latta e sgranocchiamo all'occorrenza il dolce frutto del nostro lavoro.

Foto | da Flickr di stu_spivack

  • shares
  • Mail