Scoperto il gene della magrezza

Io penso di non averlo affatto, i miei genitori l’hanno riservato al figlio maschio, che può permettersi di mangiare quantità industriali di cibo e dimagrisce quando io, se mi distraggo un attimo, mi ritrovo col salvagente intorno ai fianchi.
Vita dura, quella delle donne che tengono alla linea, ma non se hanno il gene della magrezza.

La stupefacente scoperta viene dagli scienziati americani che dicono di aver scovato il responsabile di gioie e dolori a tavola. Lo studio, pubblicato sulla rivista Cell Metabolism, sostiene di aver individuato il gene in ogni forma animale, dai vermi all’uomo. Ma ammette che la scoperta non è così recente: pare sia stato uno studente di Yale, ben 50 anni fa, il primo a scoprirlo nel DNA degli insetti della frutta. Ma perché non ci avevano detto niente?

Le ricerche continuano e le aspettative sono rosee: l’obiettivo primario potrebbe essere sconfiggere l’obesità ma sono sicura che qualche furbacchione troverà il modo per applicare la tecnologia genetica anche all’estetica. Staremo a vedere. Sperando di non veder crescere la spietata concorrenza di chi si strafoga e non ingrassa. Il mio cuore non reggerebbe.

Via | The Weighting Game

  • shares
  • Mail