Intel crede nella tecnologia come strumento per emancipare le donne

Donne al pc Le blogger di ChipChick hanno incontrato Shelly Esque, Vice President and Global Director of Corporate Affairs di Intel, in occasione del “Girls Can Change the World Panel” al Women in the World Summit. Perchè Intel era presente?

Perchè si tratta di un'azienda, che sappiamo essere tra le più importanti e competitive al mondo nel settore hi-tech, crede fortemente nella tecnologia come strumento di emancipazione per la donna. Partendo dal presupposto che la tecnologia non ha genere, e quindi non è specificatamente maschile oppure femminile, Intel rimane comunque convinta delle enormi potenzialità che una donna può ricavare dall'utilizzo di oggetti tecnologici ed è per questo che si batte per colmare il divario fra genere e tecnologia.

Soprattutto in quei Paesi dove alle donne non è assicurata nemmeno un'istruzione e dove una connessione a Internet può cambiare la vita, come è successo a una donna turca, che prima di provare il programma di Intel appositamente studiato per alfabetizzare un gruppo di donne all'informatica, aveva soltanto il permesso di spolverare il pc di casa. Dopo aver acquisito sufficienti nozioni tuttavia, la donna ha messo su un business attraverso internet, che si sta espandendo a livello internazionale e che sta portando ricchezza alla sua famiglia.

Intel è anche convinta che la tecnologia possa significare maggiori possibilità di istruzione, soprattutto per le donne; ed è per questo che collabora con organizzazioni come Room to Read, che mira a creare librerie e biblioteche laddove proprio non esistono e a raggiungere quindi con i libri anche strati di popolazione completamente dimenticati dalla società.

La prossima iniziativa di Intel riguardante la tecnologia e le donne si chiama Hackathon e farà incontrare ingegneri del software di Intel con un gruppo di donne, per sviluppare insieme applicazioni rivolte esclusivamente al pubblico femminile. L'impegno di Intel ci piace e soprattutto è bello sentir dire da una delle principali aziende del settore nel mondo, che la tecnologia è neutra, ma che offre immense possibilità anche (e forse soprattutto) alle donne.

Via | ChipChick

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail