Solo nel porno le donne guadagnano più degli uomini: la campagna choc di Zij-Kant

L'associazione femminista fiamminga Zij-Kant lancia una campagna pubblicitaria choc, con un video piuttosto esplicito ma nemmeno troppo invadente, che mira a sensibilizzare l'opinione pubblica riguardo la discriminazione salariale di genere.

Ne abbiamo parlato tante volte ed è ancora una realtà: le donne, a parità di mansioni, sono pagate meno degli uomini; succede ancora e in tutto il mondo, anche nella civilissima Europa o nella progressista America. Anche se non è così in tutti i campi: c'è un settore infatti in cui sono le donne a concorrere per i salari più alti, superando spesso i colleghi maschi.

Si tratta dell'ambito del porno: film a luci rosse, dove le attrici vengono paradossalmente considerate uguali, se non più importanti, degli uomini; proprio in un contesto che la società, di contro, giudica immorale e indegno. Dunque la popolazione femminile riuscirebbe a raggiungere la fantomatica parità dei sessi proprio laddove viene più facilmente additata, sentenziata e condannata ad epiteti che di femminile avrebbero anche poco?

Su questo ci fa riflettere il video di Zij-Kant: la protagonista è Sasha Grey, un'attrice di film hard che a 18 anni ha lasciato la scuola per dedicarsi ad attività più remunerative e che a quanto pare è riuscita nell'intento; nel video Sasha si racconta in una manciata di secondi, in una casa bellissima ed eterea, set perfetto per quelle scene hot che si intuiscono sullo sfondo, riflesse dai tanti specchi disseminati per le stanze. Il video si conclude con la frase culminante della campagna: "Uno dei pochi modi per guadagnare più degli uomini". Ironica? O semplicemente, tristemente vera?

Via | Lexpress

  • shares
  • Mail