Società fallocentrica?

Società fallocentrica

Guardando queste immagini mi sembra di essere tornata indietro nel tempo, a quando il fallo era al centro di tutte le attenzioni. Basta dare un'occhiata all'interno della "camera segreta" del Museo Archeologico di Napoli per capire di quale tempo io stia parlando e soprattutto di come il fallo si trovasse ovunque, e certamente non per caso.

E poi rifletto: ma davvero i tempi sono cambiati così tanto? Oppure la società è rimasta fallocentrica esattamente come allora? In realtà quando nella camera segreta del Museo di Napoli ci sono entrata io, ho avuto la netta sensazione che quello che era il fallo per gli antichi Romani, sia ora invece la sua controparte femminile. Pensateci un attimo: non vi sembra che volino un po' troppe farfalle in giro?

E poi vedo immagini come queste, che per quanto si voglia credere alla casualità, mi ricordano che forse in fondo nulla è cambiato. Sì ci sono le farfalle oggi, che allora rimanevano nascoste molto più di adesso; ma il fallo, quello alla fine non è mai passato di moda.

Simbolo di una virilità assolutamente intoccabile, indiscutibile strumento di piacere (anche se tutto dipende da come viene usato), talvolta anche motivo di ilarità; grande, piccolo, lungo, corto, duro (che duri eh!), resistente o impotente alla fine torna sempre. E lo vediamo anche dove non c'è....non sembra anche a voi?

Società fallocentrica Società fallocentrica Società fallocentrica Società fallocentrica

Società fallocentrica Società fallocentrica Società fallocentrica Società fallocentrica Società fallocentrica Società fallocentrica Società fallocentrica Società fallocentrica Società fallocentrica Società fallocentrica

Via | Oddee

  • shares
  • Mail