Le migliori posizioni dell’amore

Parliamoci chiaro: anche se conoscete a menadito ogni suggerimento del kamasutra, dalla più antica edizione alle più recenti rivisitazioni, anche se siete amanti focose e passionali, ma soprattutto instancabili contorsioniste, a volte è anche piacevole servirsi di metodi più classici e convenzionali e godersi il momento senza paura di scapicollare giù dal letto.

Ecco allora le sei posizioni female-friendly.


  • Lei sopra. Per ulteriori dettagli vi rimandiamo a questo post.
  • Lei seduta. Non sto qui a spiegarvi quanto possa essere comodo godere dei vantaggi di una posizione comoda e stabile mentre lui fa tutto il “lavoro”. Consiglio: scegliete una sedia comoda. Vanno bene anche la classica scrivania in ufficio, dopo aver chiuso la porta a chiave, o il tavolo da cucina. Il vantaggio è che non servirà neanche spostarsi in camera da letto, se i bollori si fanno pressanti.
  • Il classico missionario. È proprio vero che le cose di una volta sono sempre le migliori. Noiosa? Vi diamo la variante al punto successivo.
  • La posizione CAT. Che non è un gatto, ma un acronimo per Coital Alignment Technique. Un missionario rivisitato, con lei leggermente sollevata dalle braccia di lui, che l’abbraccia amorevolmente alle spalle. Gli amanti sono perfettamente paralleli.
  • Retro-copulation, che sembra più elegante del nostro italiano “pecorina” ma il senso è quello. La posizione più favorevole al punto G, ammesso che non sia solo una leggenda messa in giro dagli uomini.
  • Di fianco. La posizione limita un po’ i movimenti ma ha il vantaggio di prolungare la love session.

Cos’altro aggiungere? Buon divertimento? Prima però diteci cosa ne pensate.

  • shares
  • Mail