Tra suore litiganti, il convento chiude

suore che litigano, convento chiudeHo appreso la notizia dal tg, quando cioè la singolare vicenda delle suore pugliesi che si scannano fra di loro, è diventata di dominio pubblico. In realtà il fatto ha precedenti che risalgono a quest'estate, quando cioè il vescovo di Trani ha interdetto ufficialmente la celebrazione della Santa Messa e la distribuzione dell'Eucarestia nella cappella del monastero di santa Chiara a Bisceglie.

Tra mormorii paesani e pettegolezzi secondo cui il convento era diventato da tempo teatro di tafferugli monacali, le autorità ecclesiastiche sono state costrette a prendere un drastico provvedimento: il convento, come succede a volte per i centri sociali, è stato sgomberato. Al momento è rimasta solo la madre superiora che dice di non avere alcuna intenzione di andarsene, neppure se costretta con la forza.

Vicenda che, giudicata con parametri da inquisitore potrebbe sembrare sconveniente e di cattivo esempio per la comunità, mentre invece, sotto l'aspetto più umano, non è altro che una lite tra femmine di ordinaria amministrazione. Dagli uffici ai conventi, passando per le arene dove si combatte la lotta nel fango, le donne, se non vanno d'accordo, non c'è santo che le tenga.

foto| flickr

  • shares
  • Mail