Vodafone Angel: il cellulare anti stalking

Girl with mobile

È in fase di sperimentazione il Vodafone Angel, il dispositivo mobile dotato di GPS e tasto di emergenza connesso con la Polizia, che dichiara guerra agli stalker. 33 donne romane di età compresa tra 1 20 e 60 anni e ad alto rischio di violenza, come da segnalazione della Fondazione Pangea, stanno testando il servizio che promette una maggiore serenità di vita contro i comportamenti persecutori.

Nel 2011, quasi l'80% degli 8000 casi di stalking hanno visto una donna come vittima. I dati sono preoccupanti, perché mostrano il dilagare di un fenomeno che, prima dell'uscita recente della legislazione in materia, era pressocchè sconosciuto. Eppure durante lo scorso anno le donne sono state tristemente protagoniste di fatti di cronaca legati alle molestie: il 90% delle violenze sessuali, l'81% dei maltrattamenti fra le mura domestiche, il 58% della prostituzione minorile e il 30% degli omicidi volontari ha riguardato l'universo femminile.

Vodafone Angel, attraverso un servizio di geolocalizzazione, attivato su un semplice dispositivo cellulare registrato e abilitato, permette alle forze dell'ordine di intervenire in modo tempestivo in caso di emergenza. Si attiva attraverso un pulsante di allerta che invia un segnale alla stazione di Polizia più vicina al domicilio della vittima, innescando anche una registrazione audio dell'aggressione.

Il dispositivo anti-stalking rientra in un progetto di più ampio respiro targato Vodafone Group denominato TecSos, sviluppato inizialmente in Spagna con l'obiettivo di proteggere le donne dalle violenze. Tecnologia utile, a servizio delle fasce più deboli: investire in questo tipo di ricerca sono sempre tempo e denaro ben spesi, si rende la vita più facile e si restituisce alle vittime un barlume di speranza e di normalità.

Via | Key4biz
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail