Ridateci Raffa, paladina delle adozioni a distanza

Raffaella CarràEsiliata dalla Rai, la soubrette più longeva della nostra Tv non demorde e sostiene le adozioni a distanza anche lontano dagli schermi. E' quanto ha affermato Raffaella Carrà qualche giorno fa quando Striscia la Notizia è andata a darle il tapiro per il suo bando dagli schermi.

Nella trasmissione Amore, la Carrà aveva infatti promosso il sostegno a distanza a favore di bambini e ragazzi poveri del mondo, in collaborazione con la AVSI.

Un progetto nobile che però alla Rai sembra non interessare più, come lei stessa ha spiegato in un'intervista a La Stampa: "La trasmissione andava in onda, quando il direttore Del Noce in un'intervista a un settimanale fece sapere che lui non li sopporta i bambini...".


Ma lei non si fa certo abbattere, personalmente ha già adottato nove piccoli (come il numero dei Telegatti vinti nella sua lunga carriera) e fino ad oggi, grazie alla sua trasmissione e alla promozione che riesce a fare, Raffa ha contributo all'adozione a distanza di quasi 200 bambini tra Spagna e Italia. Un'impresa di cui essere fiera.

E se non bastasse fa anche da madre vera ai suoi due nipoti, rimasti orfani. Insomma Raffaella Carrà ci è sempre piaciuta, per essere riuscita a farsi strada alla Rai pur essendo single (in un paese cattolico come il nostro negli anni 60 non era certo una passeggiata), per essere sempre rimasta coerente, per essere una donna energica e piena di vita che ancora una volta non ha paura di battersi per le cose in cui crede. E brava Raffa!

  • shares
  • Mail