Le "ingannevoli" ciglia finte di Kate Moss

Le ciglia finte sono lecite per ravvivare il make-up di noi comuni mortali, ma non per la divina Kate Moss. In effetti, che l'osannata top-model ricorra a tali mezzucci sembra proprio uno schiaffo alla miseria.

Anche il garante britannico per la pubblicita' (ASA - Advertising Standards Authority) la pensa così. O quasi.

A dirla proprio tutta, l'Advertising Standards Authority non ha nulla contro il fatto che la Moss indossi peluria posticcia in generale, ma piuttosto che lo faccia proprio mentre pubblicizza un mascara allungaciglia, mettendo così in atto un messaggio di pubblicità ingannevole.

La Rimmel, l'azienda cosmetica accusata dal garante di violazione delle norme regolatrice la pubblicità, nega che la bella Kate portasse ciglia finte, ma non ha fornito prove contrarie. L'agenzia pubblicitaria che ha prodotto lo spot ha poi dichiarato che no, non sono ciglia finte (orrore!), ma solo un ritocchino digitale effettuato in post-produzione.

Pensavano che così l'ASA avrebbe chiuso un occhio (struccato..)?

  • shares
  • Mail