Donne: qual è il loro rapporto con il sesso?

Il sito web Alfemminile.com ha fatto una ricerca rispetto a come le donne italiane vivono il sesso in tutte le sue sfaccettature. Con un sondaggio indirizzato a 1.800 intervistate, è stata messa in luce ed indagata a fondo la sfera che riguarda tutto ciò che ha a vedere con la sessualità.

Può essere difficile racchiudere in un tema così ampio tutto ciò che ci sarebbe da indagare, dire e analizzare, ma le domande hanno spaziato cercando di focalizzarsi su un unico tema: donne e sesso. Ecco, quindi, che si è passati dal rapporto personale che ognuna vive con la sua sessualità, per arrivare alla soddisfazione sessuale e poi alla contraccezione; si è ripartiti dai sex toys per approdare all'idea che ognuna ha della prostituzione, delle malattie veneree, e ancora alle preferenze rispetto a partner fissi o occasionali.

Le risposte sono state le più varie e i risultati del sondaggio hanno fornito un panorama interessante che ha dato un quadro di ciò che le italiane pensano del sesso. Abitudini, tabù, pensieri, gusti e parerei: dopo il salto potrete avere un'idea di ciò che le donne pensano del sesso.

Prima di cominciare qualche dato utile: delle intervistate il 61% vive una relazione stabile, il 17% è sposata, il 15% è single ed il 7% dichiara di non avere alcun rapporto serio ma solo relazioni occasionali. Le domande poste divise per categoria:

1. Soddisfazione sessuale

Come le donne italiane vivono la propria vita sessuale? Cosa cambierebbero? Quali sono i fattori che maggiormente influenzano il giudizio rispetto ad un rapporto sessuale “maturo”? Secondo il sondaggio condotto da alfemminile.com, il 73% delle donne italiane ha perso la verginità nel corso di una relazione seria con un partner fisso, mentre soltanto il 14% con un compagno occasionale. Il 61% delle intervistate dichiara di non essersi pentita della scelta fatta al momento. Due donne su dieci (22%) pensano di averlo fatto con la persona sbagliata e l’8% ritiene di averlo fatto in età troppo giovane.

Per quanto riguarda la propria vita sessuale adulta, invece, il 55% delle intervistate dichiara di esserne pienamente soddisfatta. C’è anche un 24% di indecise nel giudizio e un 13% di donne che dichiara di non avere un partner, né una vita sessuale, al momento. Solo il 3% delle donne è decisamente insoddisfatto della propria vita sessuale. Per ciò che riguarda la frequenza dei rapporti, cinque donne su dieci (47%) hanno rapporti sessuali più volte alla settimana, ma solo il 6% ogni giorno. Tre intervistate su dieci (30%) dichiarano rapporti saltuari nel corso del mese, ma resta anche una piccola percentuale di donne che fanno sesso solo ogni due mesi circa (5%) o una volta all’anno (5%).

Le dimensioni del pene, come sappiamo, sono una delle questioni più discusse per quanto riguarda la soddisfazione sessuale delle donne. Il 25% delle intervistate non è interessata alle dimensioni, ritenendole non rilevanti, ma un buon 28% apprezzerebbe che il proprio partner avesse un pene di 17-20 centimetri e il 20% dà, invece, importanza al diametro.

2. Contraccezione e malattie veneree

Il contraccettivo più diffuso tra le donne italiane con un partner fisso è la pillola, prediletta dal 93% delle intervistate, con buon distacco sugli altri sistemi di contraccezione (diaframma 55%, spirale 70%, anello vaginale 79%). Il preservativo, il diaframma e lo spermicida restano, invece, i metodi contraccettivi più utilizzati delle donne senza partner fisso, rispettivamente al 42%, al 45% e al 44.

A molte donne è capitato di avere rapporti non protetti nel corso della propria esperienza. Il 25% delle intervistate dichiara di aver spesso rapporti sessuali non protetti, il 29% di averlo fatto solo occasionalmente e il 24% di non essersi protetta perché assolutamente certa che nessuno dei due avesse malattie veneree. Il 23% delle donne, invece, si protegge in ogni caso.

l 64% delle donne intervistate non ha mai fatto test di controllo delle malattie veneree. Delle restanti, solo tre su dieci (28%) hanno fatto controlli anche per l’HIV. In seguito ai controlli, il 90% delle donne non è mai risultata positiva a nessuna malattia, mentre solo poche intervistate hanno occasionalmente riscontrato problemi di Clamidia (3%), HPV (3%) ed Herpes (1%).

3. Le donne italiane sono di larghe vedute?

Le donne giocano con la propria sessualità? Quanto sono aperte a esperienze nuove o a utilizzare degli espedienti per rendere la propria vita sessuale più varia? Le donne italiane sono molto aperte in teoria, ma meno nella pratica.

Buona parte delle intervistate, infatti, si dimostra di larghe vedute su argomenti quali i film pornografici (per il 31% sono un divertimento innocente e al 12% piace guardarli in compagnia del partner o meno), la prostituzione (il 61% dice che dovrebbe essere legale) e gli strip club (per il 64% non sono un problema, a patto che le donne siano lì di loro spontanea volontà), ma poche di loro possiedono un vibratore (solo il 15%) o dichiarano di utilizzare sex toys (24%).

Per quanto riguarda le esperienze “particolari” che una donna può fare, diverse intervistate hanno dichiarato di aver avuto incontri di una sola notte (20%), di aver tradito (20%) e di aver fatto sesso con qualcuno impegnato (21%). Le più estrose si sono date ai giochi di ruolo (8%) e un 14% più esibizionista ha mandato le proprie foto provocanti a qualcuno. Molto poco diffusi, invece, menage à trois, bondage e serate per scambisti.

A cosa si dice tassativamente “no”? Il 29% delle intervistate non desidera assolutamente fare esperienze di sesso anale, il 14% non vorrebbe mai sperimentare il bondage e al 7% non piace l’utilizzo di frasi spinte durante l’atto sessuale. C’è, però, tra le intervistate, un discreto 23% di donne che proverebbe di tutto, senza restrizioni.

Dall’analisi dei dati, le donne italiane sembrano soddisfatte della propria vita sessuale - sia essa con un partner fisso o occasionale - non pentendosi delle proprie esperienze, ma mantengono delle riserve su diversi argomenti “scottanti”, soprattutto se si tratta di metterli in pratica. Ancora sottovalutati, in alcuni casi, i pericoli derivanti del sesso non protetto e l’utilità dei controlli medici per prevenire e combattere le malattie veneree.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail