Donne ed eterna giovinezza: le americane spendono di più per gli anti-aging

La società Mintel, guru nelle ricerche di mercato, ha effettuato recentemente una ricerca sulle abitudini delle donne di tutto il mondo circa l'uso dei sieri anti-età, scoprendo che le più propense a trovare rimedi contro il tempo sono le americane. Non è un caso, dunque, che, fra il 2009 e il 2011, il maggior numero di nuovi prodotti anti-aging per la pelle del viso, siano stati lanciati negli Stati Uniti, piuttosto che in altre realtà occidentali o asiatiche. Infatti il 37% delle donne americane ha usato creme anti-invecchiamento e sieri per il viso, rispetto al 23% del Regno Unito, il 24% della popolazione femminile in Francia, il 25% delle donne in Germania e il 26% delle donne in Spagna.

Non solo, dallo studio effettuato, risulta anche che siano sempre le signore yankee le più propense ad affidarsi all'uso di dispositivi elettronici per combattere le rughe. E sebbene l'uso effettivo di tali apparecchi sia ancora molto modesto, quasi il 40% delle americane si dimostra disponibile a provarne gli effetti. Inoltre, conoscendo la vita frenetica dei continentali, non ci stupirà sapere che, le loro donne, prediligono i trattamenti in casa, piuttosto che i lunghi appuntamenti dai professionisti. Sono pratiche queste american women!

Nel frattempo, dal 19 a 21 giugno prossimi, come è consuetudine, New York ospiterà l'Expo HBA e due volte al giorno gli analisti di bellezza Mintel offriranno dimostrazioni interattive di nuovi prodotti cosmetici e tecnologia anti-età. E da quanto possiamo immaginare, il padiglione sarà colmo di donne interessate ad oltrepassare le frontiere della nuova giovinezza. Ma sarà poi così brutto invecchiare?

Via | Digitaljournal
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail