Come curare i capelli ricci e crespi in modo naturale

riccioli I riccioli hanno sempre avuto un fascino particolare, danno un'aria sbarazzina e anche un pò selvaggia. Il riccio definito è il sogno di tutte, me compresa, ne ho provate tante ed ho personalmente riscontrato che i rimedi naturali sono i migliori per questo tipo di capello. I ricci sono di natura già più fragili dei capelli lisci, richiedono quindi attenzioni maggiori, dallo shampoo allo styling senza dimenticare l'asciugatura.

Gli impacchi pre shampoo danno una marcia in più, fatti con oli naturali donano idratazione e nutrimento diminuendo visibilmente l'effetto crespo. Tra i migliori troviamo olio di semi di lino,olio di cocco, olio di karitè e anche olio di jojoba. L'applicazione deve essere uniforme, senza eccedere sulla cute per evitare di ingrassarla, per rendere il tutto più efficace sarebbe opportuno applicarli sui capelli umidi altrimenti l'olio da solo a lungo andare tenderebbe a seccarli. Se vogliamo un mix eccellente il gel d'aloe è il top per i ricci ed in questo caso sostituisce l'acqua, usato anche come leav in prima dell'asciugatura, al posto delle classiche schiume che troviamo in commercio, li definisce senza appesantirli ne sporcarli.

Sempre per gli impacchi, volendo alternarli agli olii per evitare che si appesantiscano, lo yogurt da solo o mescolato a miele e cacao faranno brillare i vostri capelli, preparate un'emulsione non troppo liquida di modo che non coli e applicatela uniformemente, coprite il tutto con la pellicola e lasciate in posa un'ora almeno.

Se vi state domandando quale shampoo scegliere per poter togliere tutta questa roba dalla vostra testa state tranquille, viene via tutto molto semplicemente. Per il lavaggio selezionate il vostro shampoo scegliendo tra quelli che hanno più agenti idratanti, preferite quelli senza siliconi, che rivestono con un film il capello ma non lo idratano, prodotti a base di semi di lino, karitè o aloe vera saranno perfetti.

Il balsamo è praticamente indispensabile, è importante che sia districante, ma ricordate sempre di iniziare strecciare i vostri capelli da asciutti perchè sono più forti, i pettini in legno a denti larghi sono i più indicati, per i nodi più resistenti il balsamo farà il suo. Comunque se date nutrimento periodicamente ai vostri ricci, facendo impacchi almeno un paio di volte al mese già avrete buoni risultati. Per le punte secche, un pizzico di burro di karitè prima di asciugarli le nutre e riduce il rischio di doppie punte .

Avendo scelto prodotti naturali anche per lo styling il crespo dovrebbe essere ormai un brutto ricordo, come ho detto il gel d'aloe sarà un valido alleato, a questo punto è importante non sbagliare proprio al momento dell'asciugatura.

Se non potete rinunciare al phon, usatene uno fornito di diffusore e toccateli meno possibile durante l'asciugatura, per un finish totalmente naturale invece, magari ora che è più caldo, provate il plopping: stendete un asciugamano su un piano, a testa in giù raccogliete tutti i capelli sulla testa e fissate l'asciugamano legandolo dietro la testa (se non riuscite con l'asciugamano provate con una vecchia maglietta ed usate le maniche per legarla).

Foto | Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 9 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail