Ansia da shopping: il panico per un buono acquisto gratuito da 30 denari

Vi sarà capitato di attendere con ansia il completamento di una tessera fedeltà. L'erboristeria del centro commerciale vicino casa vi aveva fidelizzato promettendo un buono da 30 euro al raggiungimento del fantomatico punteggio.

Raggiungete il traguardo soddisfatte, con l'intenzione di spendere con tranquillità i 30 euro di bonus in un secondo tempo. Magari comprando la crema viso al burro di vinaccioli un pò costosetta, oppure lo shampo lucidante assieme alla maschera ristrutturante da agricoltura biologica, o ancora dei pregiati fanghi per il corpo.

"Visto che la tessera scade oggi, dovrebbe consumare il buono oggi stesso" vi sentite dire dalla commessa. Il panico. Il vuoto spinto nella testa. Come quando cerchi di ricordare l'argomento studiato prima di un esame. E adesso, che cosa comprare? Eppure si sapeva di questi 30 euro in arrivo...allora meglio la crema viso o i fanghi? Sarà meglio spenderli nello shampo e la maschera?Empasse da buono acquisto gratuito.

Una volta raggiunto il risultato non c'era nulla che sembrasse degno di essere comprato. I prodotti, che prima avevamo guardato come uno sfizio da toglierci, adesso non avevano più alcuna attrattiva.

Vi risparmio le conclusioni di un pomeriggio di shopping forzato, solo mi fermo a riflettere se è vera l'affermazione "attento a ciò che desideri, potresti ottenerlo" e vi chiedo che ne pensate. E' la tensione verso il raggiungimento di un traguardo - importante o banale che sia - a tenere acceso il desiderio?

  • shares
  • Mail