Candida - Che cos'è, come prevenire e come curare

A chi non è capitato di avere un prurito intensissimo nelle parti intime, con istintiva voglia di grattarsi (che non è proprio un gesto da signora...), magari proprio nel bel mezzo di una riunione col capo? Se la risposta è no, rientrate nel fortunato 25% che non ha (ancora) mai sofferto di quell'autentico tormento che è la vaginite o vulvovaginte da Candida.

Infatti, circa il 75% delle donne ha avuto o avrà nel corso della propria vita almeno un episodio di micosi vulvovaginale, causata nel 90% dei casi da un fungo denominato Candida Albicans. Altro dato non trascurabile è che la recidiva, cioè un ulteriore episodio infettivo, si verifica in circa il 40-50% delle donne.

La Candida anche se in piccole concentrazioni è normalmente presente nella vagina insieme ad altri batteri (più numerosi), che formano l'ecosistema vaginale.

Questo "ospite" nel nostro corpo può passare dalla forma latente e asintomatica alla forma clinica quando trova condizioni favorevoli fra cui la presenza di zucchero (è infatti un'affezione frequente e difficile da debellare nei diabetici), la mancanza d'aria (può affliggere le unghie dei piedi per eccessivo uso delle scarpe da ginnastica e prende il nome di piede d'atleta), le scarse difese immunitarie (la bocca dei neonati, dove prende il nome di mughetto), la distruzione, tramite farmaci, dei suoi naturali nemici (è molto facile avere una candidiasi dopo una terapia antibiotica).

I sintomi più comuni dell'infezione sono secrezioni vaginali biancastre (anche se a volte non vi è alcuna perdita), accompagnate da sensazione di bruciore e/o prurito a volte particolarmente intensi sia a livello vulvare (esterno) che vaginale.

La terapia si basa nella gran parte dei casi sull'uso di farmaci antifungini per via topica (locale) sotto forma di ovuli e lavande. Il ketogonazolo, il fluconazolo e l'itraconazolo sono i farmaci maggiormente usati.
L'utilizzo di questi farmaci deve sempre essere valutato dal proprio medico curante o dallo specialista ginecologo.

Per prevenire invece (che è meglio che curare!), curate l'alimentazione, limitando i dolci e assumendo frutta e verdura regolarmente, yogurt e fermenti lattici.

Non usate indumenti sintetici, non usate la microfibra per gli slip perché aderisce eccessivamente e alza la temperatura. Non usate pantaloni aderenti e comunque, in generale, non portate sempre i pantaloni, soprattutto levateli e passate alle gonne al primo fastidio. Non vi detergete troppo energicamente.

Certamente un buon trattamento del primo episodio infettivo è un momento fondamentale: non trascurate una secrezione vaginale anormale ed anche in assenza di bruciore consultate il vostro specialista di fiducia!


  • Volete sapere di più su questa comune e fastidiosa infezione? Cliccate qui su Candida.


  • Siete alla ricerca di qualche utile consiglio su come prevenire e come curare la Candida? sappiate che anche con metodi naturali è possibile.
  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: