L’esercito delle donne soldato

donna soldato esercito italianoPer chi fra noi donne non sta nella pelle al pensiero di rispondere un miliardo di volte al giorno “signorsì”, da alcuni anni può approfittare di un’occasionissima: arruolarsi nell’esercito italiano. Il primo esperimento di donne soldato risale al 1992 quando, su un campione di mille volontarie, 29 fanciulle furono scelte per partecipare a un addestramento di 36 ore in un reparto dell’esercito. Con il superamento di un percorso di guerra, con tanto di filo spinato e lotta nel fango, le 29 rappresentanti del gentil sesso fecero da spartiacque per tutte coloro che in futuro avrebbero portato un tocco di rosa nelle caserme.

Dal 2000 le donne soldato possono rispondere alla leva volontaria e entrare a far parte delle milizie. I criteri di reclutamento sono ovviamente gli stessi usati per gli uomini, in totale rispetto della parità. Ad oggi le donne regolarmente arruolate nell’esercito sono 3000, circa il 2,6%, e il numero delle iscrizioni è rimasto costantemente alto negli ultimi anni. C’è chi nei reparti apprezza molto la presenza femminile, chi invece sostiene rappresenti un inutile intaralcio alle attività militari (guardate a proposito questo forum).

C’è da dire che intraprendere la carriera militare è ormai per tutti conseguenza di una scelta volontaria, quindi anche le donne possono decidere in piena coscienza e libertà di mettersi al servizio dello Stato nella difesa del paese. In America le soldatesse danno costantemente prova di coraggio e valore da riempire pagine e pagine di memoriali, senza rinunciare al piacere dello shopping, e in Italia c’è chi cerca di emularle. Ancora una volta bravissime a dimostrare che oltre alle gambe c’è di più.

  • shares
  • Mail