Ringiovanimento vaginale e vaginoplastica parte seconda

vaginoplastica e ringiovanimento vaginale, funziona?Vi avevamo parlato di vaginoplastica e ringiovanimento vaginale già qualche mese fa, attestandoci al crescente utilizzo di questa pratica negli Usa. Le motivazioni? Sesso e bellezza. Cosa può spingere una donna a farsi modificare volontariamente la vagina con questa vaginoplastica?

L'estetica, che boccia le piccole labbra troppo sporgenti rispetto alle grandi labbra, l'aspirazione di recuperare la perduta tonicità del canale vaginale e - presumibilmente - trovare maggior appagamento sessuale, anche se non ci sono studi che ne dimostrino la veridicità.

Quando si tratta di mode e costumi d'oltreoceano è solo questione di tempo, prima o poi approda anche qui, tant'è che del fenomeno si sono occupate Le Iene di Italia Uno nella loro ultima puntata. Nel servizio linkato dopo il continua Elena di Cioccio documenta i consulti medici di quattro ginecologi, sedicenti specialisti in vaginoplastica, alla pornostar Natasha Kiss.

In questo servizio sulla vaginoplastica vedrete che tutti fanno diagnosi divergenti e propongono soluzioni diverse al "problema" con costi diversi, qualcuno proponendo anche la possibilità di ingrandire il punto G con delle iniezioni di acido ialuronico (si, quello che si autoiniettò la Lecciso sulle labbra). Come dire, un'iniezioncina sotto la mucosa e ti passa la paura...

Alla fine del servizio Natasha Kiss viene visitata dal responsabile di chirurgia ginecologica dell'istituto Mangiagalli, secondo cui la paziente non ha nessun "problema" da mettere a posto.

Diciamo che a quanto ho capito dal servizio gli unici "pro" certi che si possono avere dalla vaginoplastica sono di carattere estetico, sempre che non ci siano complicazioni nella cicatrizzazione (infezioni, cicatrizzazioni anomale ecc...). Per quanto riguarda il restringimento del canale vaginale per migliorare il rapporto sessuale non v'è certezza, c'è di contro la forte probabilità che si possa perdere sensibilità nelle zone ritoccate.

Ma allora, cui prodest? Forse al business della chirurgia estetica che negli anni ha dovuto abbassare i prezzi sulle tette al silicone, i nasi rifatti, la liposuzione ecc...e deve trovare nuovi prodotti esclusivi da vendere?

Che poi mi chiedo, se risulta inutile per una pornostar con 10 anni di attività alle spalle (e non solo...), 50 film, 300 partner e che ha avuto due gravidanze...ma noi comuni mortali, che ci dobbiamo ringiovanire a fare?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail