Saldi estivi 2012: calendario e data di inizio in Italia

Dopo una stagione tutt'altro che positiva per i negozianti che hanno visto calare a picco le vendite, è arrivato il mese di luglio che insieme al caldo afoso ha portato i tanto attesi saldi. In realtà non è affatto raro in questi ultimi giorni aver avuto accesso ai cosiddetti pre-saldi ma, adesso che c'è l'ufficialità, assisteremo ad un assalto ai negozi?

Il periodo di crisi economica del nostro Paese è percepibile in ogni dove e per qualsiasi cosa, acquistare non è cosa che si fa alla leggera e se tagli devono essere fatti è ovvio che ne risenta il cosiddetto "superfluo". E' certamente per questo, in questa annata più che mai, che in realtà gli sconti sono iniziati ben prima delle date stabilite per i saldi.

Oggi, però, vi forniamo un calendario completo dei saldi estivi 2012, con la data di inizio per ogni regione italiana. Si parte il primo sabato di luglio, cioè il 7, data che dovrebbe essere la stessa per tutta Italia, secondo quanto stabilito da un negoziato tra le Regioni. Ma in realtà i saldi inizieranno con qualche giorno di anticipo in Basilicata e cioè il 3 luglio.

Ecco il calendario dei saldi estivi 2012 regione per regione:

Abruzzo

7 Luglio – 31 agosto 2012

Basilicata

7 luglio – 8 settembre 2012

Calabria

7 luglio – 31 agosto 2012

Campania

7 luglio – 29 settembre 2012

Emilia Romagna

7 luglio – 8 settembre 2012

Friuli Venezia Giulia

7 luglio – 30 settembre 2012

Lazio

dal 7 luglio

Liguria

7 luglio – 30 settembre

Lombardia

dal 7 luglio

Marche

7 luglio – 1 settembre 2012

Molise

7 luglio – 15 settembre 2012

Piemonte

7 luglio – 31 agosto 2012

Puglia

7 luglio – 15 settembre 2012

Sardegna

7 luglio – 8 settembre 2012

Sicilia

7 luglio – 15 settembre 2012

Toscana

dal 7 luglio

Trentino Alto Adige

dal 7 luglio

Umbria

dal 7 luglio

Valle D’Aosta

7 luglio – 30 settembre 2012

Veneto

7 luglio – 31 agosto 2012

Qualche piccolo consiglio per fare acquisti sicuri: innanzitutto ricordiamo che nel caso di acquisto di un capo o di un bene, sul cartellino deve essere riportata obbligatoriamente l’indicazione del prezzo normale di vendita (cioè, il prezzo originario ante-sconto), dello sconto effettuato (in termini assoluti e/o percentuali) e, in ultimo, del prezzo finale.

Nel negozio, inoltre, la merce in saldo dovrà essere separata da quella non in saldo in modo da non attirare il cliente in confusione. Meglio, infine, conservare sempre lo scontrino, perché costituisce prova d'acquisto che obbliga il commerciante a sostituire la merce difettosa o non conforme, anche se vi sono cartellini in mostra con la dicitura che i capi in saldo non si possono cambiare.

Vi ricordiamo, inoltre, che la data conclusiva del periodo dei saldi per quest'anno è stata fissata alla fine di settembre 2012.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail