Secondo gli inglesi l'umorismo è maschio...gli dobbiamo credere?

Rassegnamoci. Le donne non sono altrettanto simpatiche quanto i maschi. Almeno stando a quanto riportato da uno studio condotto da Sam Shuster dell'Università di East Anglia in Gran Bretagna. In seguito ai risultati delle sue indagini, e ad una serie di test, pubblicati poi sul British Medical Journal, sembrerebbe che le battute degli uomini di fronte a delle situazioni particolari, paradossali, in qualche modo ridicole, siano state molto più taglienti, alle volte più cattive rispetto a quelle femminili.

Il motivo? Sembrerebbe risiedere in quel testosterone che sempre viene indicato quale responsabile dei comportamenti tipicamente "machi", dell'aggressività, del senso di competizione. E' agli ormoni quindi che si deve lo sense of humor maschile; le loro indimenticabili battute sono figlie del testosterone.

Effettivamente i più famosi comici, attori e cabarettisti sono - numericamente parlando - da sempre maschi. Ma siamo così sicuri che ciò si debba esclusivamente a motivazioni di ordine genetico? O si tratta piuttosto di motivazioni di stampo culturale?

Le donne sono state spesso considerate degli incantevoli orpelli che non dovrebbero mostrare altro che la loro avvenenza, specialmente in televisione, quindi figuriamoci: le battute umoristiche mal si addicono alla loro grazia. Personaggi come Luciana Littizzetto, un pò fuori dalle righe, rappresentano un'eccezione.

Io non sono così convinta che davvero il senso dell'umorismo sia dovuto alla carica ormonale, anche perchè di ragazzi noiosi e con un senso dell'umorismo grande quanto il cervello di un girino ne conosco parecchi; mentre al contrario mi è capitato di incontrare molte donne dotate di grande spirito. Poi certo, un'inchiesta fatta dagli inglesi....siamo tutte curiose di conoscere questi campioni di simpatia made in England!

foto via | skynet

  • shares
  • Mail