I charms con la pasta di sale per abbellire collane e bracciali

Per dei simpatici gioielli di pasta di sale ecco i charms fatti a mano. Un po' di manualità e di pazienza saranno le armi per lavorare al meglio. Poi i risultati saranno più che soddisfacenti.

I charms di pasta di sale - copertina

Bellissima la pasta di sale, specie quando ci viene incontro per arricchire i nostri look (o meglio ancora, quelli delle nostre piccole principessine di casa) con lavoretti fatti ad hoc. È il caso del semplicissimo tutorial di oggi per creare charms da agganciare a collane e bracciali di stoffa e cuoio oppure per farne gioielli ex novo. Guardate cosa abbiamo fatto noi di Pinkblog, usando un cordino di raso e uno di tulle.

Per questo progetto servono: panetti di pasta di sale creati con la ricetta base e colorati (io ho usato quelli avanzati dal tutorial sugli orecchini, debitamente conservati in frigo nella cellophane), stuzzicadenti, smalti per unghie perlati, flatting trasparente, cordini colorati, utensili da cucina vari.

I charms di pasta di sale


Le uniche difficoltà, lavorando in estate, sono: il periodo caldo (la pasta di sale si ammoscia un po' quando la modellate) e la precisione nel creare i buchini dei charms senza rovinare la forma dei decori. Per il resto è molto facile operare, basta prendere palline di pasta fra le dita e creare le forme che più ci aggradano. Noi abbiamo fatto cuoricini, sferette e diamantini, oltre che qualche forma per chiudere il gioiello.

In particolare, per gli ovali multicolor sono state mescolate palline di pasta di tutti i colori, schiacciandole assieme e non lavorandole troppo (in questo modo si ottengono quelle piacevoli striature). Per questo e per tutti gli altri lavori si è poi proceduto ad infilare uno stuzzicadenti al centro in modo da creare il pertugio centrale attraverso cui far passare la corda dopo la cottura. Per evitare che la sfera si appiattisca mettetela in forno su una superficie sospesa, come ad esempio un tappo metallico a sponde alte.

Infornate tutto a 80° C per qualche ora o lasciate all'aria per una giornata e un pomeriggio interi, se non basta date un ultimo colpo di forno per far seccare bene l'interno. Dopo aver tolto gli stuzzicadenti potete passare alla decorazione. Stendete gli smalti perlescenti sulle superfici dei lavori e una volta asciugata la prima mano passate anche il flatting. In ultimo, con l'aiuto di aghi e spilli, spingete il cordino dentro ai buchi dei lavori e attendete un paio di giorni prima di indossare (l'odore del flatting va fatto decantare). Sfiziosi!

Gallery | Homemade creations by Ran

  • shares
  • Mail