Le donne e il sesso: ci pensiamo quanto i maschi?

E’ uno dei grandi interrogativi che affliggono l’umanità insieme all’identità sessuale di Maria de Filippi: le donne pensano al sesso quanto gli uomini? L’annosa questione è spuntata fuori qualche sera fa, durante una chiacchierata tra amiche, e da allora io vivo con lo scopo di fare luce una volta per tutte su questa faccenda.

Se gli studiosi si affannano a dimostrare quanto la scelta del partner sia condizionata da considerazioni di natura tutt’altro che romantica o passionale, le idee non sono poi così chiare quando si considera unicamente l’elemento sesso da un punto di vista fisico. E' tutto un fiorire di ricerche e non passa giorno senza che i soldi dei contribuenti vengano impiegati per il nobile scopo di capire se le donne siano biologicamente sante o maiale

Da parte mia, sondando gli animi ho scoperto che anche fanciulle apparentemente caste e pure (seeee), che si presentano agli occhi del mondo come angioletti senza ali, pensano (e sognano) a sfrenate scene erotiche una media di mille volte al giorno. Però ci tengono a differenziarsi dai maschietti che descrivono come degli “animali”, che “pensano solo a quello”.

Noi non lo siamo? O siamo piuttosto vittime di condizionamenti culturali che nel corso del tempo ci hanno messo in testa che le donne siano scevre da esigenze fisiche così pressanti, perciò chi la dà via con disinvoltura è una zoccola e basta? Rigiro a voi, care lettrici e cari lettori di Pink, il tremendo dilemma.

  • shares
  • Mail