La dieta della luna per perdere peso con le fasi lunari

La dieta della luna sfrutta l'effetto che questo satellite produce sui liquidi corporei e consente un dimagrimento di 2 kg per un solo giorno di dieta. Vediamo come e perché


Avete mai sentito parlare della dieta della luna? Scommetto che già solo l'idea vi sembra molto romantica e un po' stregonesca (o vampiresca, magari). In realtà non si tratta di un vero regime dietetico dimagrante, perché si deve seguire solo per un giorno, ma piuttosto di un modo per sfruttare l'effetto che il satellite che guarda la nostra terra (e a cui noi guardiamo con occhio sognante), ha sui liquidi del corpo.

Infatti le dieta della luna è particolarmente utile per combattere la ritenzione idrica e stimolare la diuresi e il metabolismo, arrivando a farci perdere fino a 2 kg per un solo giorno di dieta liquida. Infatti tale è il segreto: allinearsi con le fasi lunari e il primo giorno della nuova fase che abbiamo scelto per cominciare il nostro esperimento dietetico, assumere solo liquidi.

Come scegliere la fase lunare in cui fare la nostra dieta? In base al risultato che vogliamo ottenere. Innanzi tutto dobbiamo controllare il calendario e individuare il cambio di fase: luna nuova, primo quarto, ultimo quarto, luna piena. Ad ognuna di queste fasi corrispondono effetti fisici diversi. Ad esempio in fase di luna crescente il corpo trattiene i liquidi, quindi non è adatta a chi desideri perdere peso, mentre la luna calante favorisce proprio la disintossicazione e il drenaggio dei liquidi.

In particolare la fase di luna nuova è ideale proprio per stia iniziando qualcosa di nuovo, come una dieta, appunto. Una volta trovata la data giusta del cambio lunare adatto a noi (ad esempio le "lune nuove" dell'autunno 2013 saranno il 5 ottobre, il 3 novembre e il 3 dicembre), possiamo mettere in atto la strategia dietetica, secondo questo programma giornaliero:

  • Per colazione un bicchiere d'acqua a temperatura ambiente con succo di limone per un'azione purificante e diuretica
  • Spuntino di metà mattina: una spremuta fresca di agrumi senza zucchero
  • Pranzo: una tisana da scegliere in base ai gusti e alle esigenze


  • Cena: una spremuta di arancia e limone senza zucchero (magari scegliete arance vaniglia o molto dolci se non sopportate tanto il gusto agro)


  • Prima di andare a letto: una bella tazza di camomilla o un'altra tisana calmante (come tiglio o melissa) senza zucchero

E' un po' dura, ma pensate che dovrete stare a digiuno solo per un giorno, e poi potrete riprendere subito a mangiare. Si può fare e soprattutto, i risultati compenseranno i sacrifici...

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail