La dieta della pancia piatta, ecco come dimagrire

E' possibile dimagrire solo sul punto vita ed eliminare la pancetta? Vediamo cosa mangiare per ridurre le adiposità addominali


Ottenere una pancia perfettamente piatta con la dieta è possibile? Certo che sì, a patto di sapere cosa mangiare e cosa eliminare perché vi provoca gonfiore.
Infatti dimagrire sul punto vita, soprattutto se il resto del corpo è più o meno in linea, non è semplice, in genere si devono individuare gli alimenti che provocano l'accumulo adiposo sull'addome e ridurli o eliminarli del tutto.

Chi tende ad ingrassare sulla pancia è in genere un tipo di donna con il fisico "a mela" o a "pera". Nel primo caso saranno soprattutto stomaco e punto vita a dilatarsi, e probabilmente questa caratteristica fisica sarà associata a problemi come la gastrite, il meteorismo, l'acidità di stomaco. Se, invece, avete piuttosto un corpo dalle forme mediterranee, allora il punto vita sarà accentuato, ma i fianchi e l'addome potrebbero apparire troppo abbondanti e rilassati.

La dieta per la pancia piatta, quindi, dovrà essere modulata a seconda del tipo di fisico e dei chili da perdere. Se vi rendete conto che la vostra pancia è piuttosto gonfia che cicciottella, se dopo aver mangiato determinati cibi avete un improvviso aumento ponderale "visibile" in cm in più e dilatazione dell'addome, se soffrite spesso di meteorismo, di stitichezza o diarrea e di dispepsia, allora probabilmente covate un'intolleranza alimentare.

Una reazione a cibi che il sistema immunitario individua come nocivi (anche se non lo sono in realtà), come il latte e i latticini, alcuni tipi di frutta o il glutine, provoca infatti una iperproduzione di istamina che a sua volta produce gonfiore e un grande accumulo di liquidi corporei. Ecco che, perciò, il corpo sembra letteralmente "lievitare". In questi casi la soluzione è sottoporsi ad un test allergologico per scoprire l'alimento o gli alimenti dannosi ed eliminarli. L'effetto "sgonfiante" è immediato.

In generale per ridurre la pancetta, si deve modificare la dieta in questo modo: eliminare o consumare solo raramente tutti i prodotti da forno fatti con farina bianca, soprattutto dolci, come le pizze, le torte, le focacce, e anche il pane. Scegliete cereali integrali che contengono fibre che stimolano la motilità intestinale e riducono l'assorbimento di grassi e zuccheri, e optate per pasta e riso, ma anche farro e orzo. Eliminate tutti gli zuccheri raffinati, se avete voglia di qualcosa di dolce, mangiate un buon frutto, possibilmente biologico e con la buccia.

Eliminate anche le bevande alcoliche, le bibite edulcorate e gassate, le caramelle e gli snack pieni di creme, e spezzate la fame con una manciata di frutti secchi. Bevete tantissima acqua e tante tisane drenanti e digestive, per aiutare lo smaltimento dei liquidi e l'attività degli organi della digestione. Infine, fate sempre una buona colazione per stimolare il metabolismo al mattino, scegliete carboidrati a basso indice glicemico per il pranzo, e cercate di non cenare mai troppo tardi la notte. Semplici regole dietetiche salutari, e il pancino ringrazierà.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail