Silvia Gobbato, l'avvocatessa di 28 anni uccisa in un boschetto in Friuli mentre faceva jogging

E' stata uccisa a coltellate nel bosco mentre faceva jogging la giovae avvocatessa di 28 anni Silvia Gobbato


E’ ancora avvolta nel mistero la morta della giovane avvocatessa 28enne Silvia Gobbato, la ragazza era andata a fare jogging con un amico ed è stata ritrovata morta, uccisa a coltellate in pieno giorno. Silvia era andata a correre nel boschetto del comune di Pagnacco, località friulana che porta a Buja in provincia di Udine, era insieme al figlio del proprietario dello Studio legale per cui lavorava, Giorgio Ortis che è stato tra i primi a chiamare i soccorsi.

Quando si va a correre insieme a qualcuno, ognuno deve tenere il proprio passo, non si deve ne aspettare ne inseguire nessuno, si corre separati e ci si ritrova insieme alla fine dell’allenamento. Così è stato anche per Silvia Gobbato e Giorgio Ortis, il ragazzo era andato avanti e stava aspettando la sua amica, quando accortosi del forte ritardo è tornato indietro ed ha incontrato un altro corridore che lo ha avvertito di aver trovato un cadavere, i due hanno subito chiamato i soccorsi, ma per la giovane ragazza non c’è stato niente da fare, il suo corpo era già stato dilaniato a coltellate.

L’omicidio di Silvia Gobbato non ha ancora soluzioni, non ci sono neanche dei sospettati. Giorgio Ortis è stato inserito nel registro degli indagati, sono stati sequestrati e analizzati gli abiti del ragazzo, ma non c’è nessuna accusa o prova a suo carico. Gli inquirenti parlano di “atto dovuto” quindi non è mai stato davvero uno degli indagati.

Gianni Ortis, il proprietario dello studio legale dove Silvia aveva completato il praticantato, ha dichiarato:

“Sono sconvolto. Era una ragazza bravissima e dolcissima. Quello che è successo è qualcosa di assolutamente inspiegabile. Aveva superato lo scritto dell'esame di avvocato con successo, era risultata seconda tra tutti i candidati della Corte d'Appello di Trieste. Doveva fare l'orale il 7 ottobre”.

Speriamo che la giustizia riesca a far luce su questo terribile omicidio, noi facciamo le condoglianze alla famiglia e accendiamo una candela per questa vita spezzata in modo così crudele.

Foto | da Flickr di danielygo
Fonte | corriere

  • shares
  • Mail