Come avere un balcone fiorito bellissimo, soluzioni e consigli utili

Vivere immerse nella natura lussureggiante, un sogno che abbiamo in molte. Infatti, anche se viviamo in città, cerchiamo di portare sui nostri davanzali un po' di giardino, facendo fiorire i colori sul grigio cemento. Per avere un balcone fiorito bellissimo Pinkblog vi corre in aiuto, suggerendovi qualche spunto interessante e qualche trucco per fare il giusto shopping in serra e sfruttare al meglio ciò di cui disponete. Pronte?


  • Se lo spazio è poco verticalizzate - Non esiste balcone, per quanto esiguo, che non si possa sfruttare al meglio per un vero tripudio di fiori. Il trucco per la creazione di un giardino vasto e vario è di pensare in verticale. Poiché molti fiori possono essere coltivati sia in vaso e sia impilati sugli scaffali o appesi al soffitto è possibile utilizzare gli spazi anche in altezza. Magari può esservi utile montare qualche mensola, anche in modo un po' artistico, stile libreria floreale.

  • Preferite la funzionalità - È importante che gli spazi verdi siano facilmente accessibili, che abbiano, possibilmente, una fonte vicina di acqua (questo vi eviterà l'andirivieni dal rubinetto di casa quando annaffiate) e che siano riparati dai forti venti. L'ideale sarebbe misurare le superfici da adibire alle piante in modo da fare una stima veloce del numero di vasi da usare, dalla loro forma/grandezza e della loro disposizione. Nota essenziale è accertarvi, prima di iniziare a pensare in grande, della presenza di eventuali restrizioni condominiali in materia.


  • Scegliere le piante giuste - Le migliori sono quelle in grado di resistere al calore estremo e alla disidratazione, perché le piante in vaso tendono a surriscaldarsi al sole, soprattutto quando sono costrette in spazi angusti. Rientrano nella categoria petunie, gerani, margherite, calendule e alyssum. In generale optate per le piante perenni, che sono più resistenti alle variazioni climatiche, anche se fiorendo principalmente in primavera, non si prestano bene al giardino d'inverno.

  • La cura - Come ogni creatura vivente, anche la flora più indipendente, esige qualche attenzione. Oltre alla solita annaffiatura, da praticare nelle ore fresche della giornata, mattina presto o sera tardi, l'uso di terriccio e fertilizzante di qualità aiuterà la salute dei vostri arbusti. L'ideale, vista la povertà di nutrienti del terreno del vaso, è usare un mix di compost, torba, vermiculite o perlite e usare del fertilizzante liquido, ogni tanto, mischiato all'acqua del'irrigatore. Altra nota, tanto dolente quanto essenziale, è avere il coraggio di sacrificare le piante affette dai parassiti, quali i temutissimi afidi che nel giro di poco colonizzano anche le piante sane, facendone scempio.

  • Via alla fantasia - Non c'è niente di più bello che osare! Sbizzarrirsi con i colori dei fiori, le forme dei vasi, la disposizione delle infiorescenze, personalizzerà il nostro piccolo angolo verde, mostrando ai fortunati ospiti la parte estrosa e divertente del nostro modo di essere. Via libera agli accostamenti accesi, alle sfumature insolite, ai nani da giardino con tanto di Biancaneve e strega, ai sassi fluorescenti e alle simpatiche campanelle che tengono lontani gli uccelli curiosoni.


Per essere soddisfatte del nostro paradiso cittadino non è necessario avere il giardino pensile di Babilonia, basta un po' di attenzione nelle nostre scelte, rispetto per il vicinato (mettendo i sottovasi, per evitare di annaffiare i piani inferiori) e tanta voglia di giocare con le suggestioni, le forme, i profumi. Volete mettere la soddisfazione di consumare una fresca colazione nella vostra bella veranda fiorita? Non ha prezzo.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail