Le cause del ciclo irregolare e i rimedi da adottare

ciclo irregolare

Il ciclo irregolare colpisce almeno una volta nella vita tutte le donne. Ma quando diventa un problema costante, quali sono i rimedi da adottare? Andiamo intanto ad analizzare i motivi dell'irregolarità mestruale e cosa si intende per ciclo irregolare. Normalmente il ciclo si presenta ogni 28-30 giorni, ma lo si considera regolare anche se cade tra il 25° e il 35° giorno. L'importante è che la frequenza sia costante, ad esempio: se il ciclo arriva ogni 25 giorni si considera regolare, se un mese arriva dopo 35 giorni dall'ultima mestruazione e il mese successivo dopo 25, allora sarà da considerarsi irregolare, soprattutto se tale incostanza perdura nel tempo. Anche la durata e il flusso sono elementi che permettono di capire se è il caso di preoccuparsi o no.

Mediamente la durata deve essere di 5-6 giorni e il flusso discretamente abbondante: in caso contrario è meglio consultare al più presto il ginecologo di fiducia. Dicasi lo stesso in caso di assenza totale di ciclo, potrebbe trattarsi di una gravidanza, di un disturbo grave dell'alimentazione come l'anoressia o la bulimia o di una disfunzione ormonale. Senza contare lo stress, una delle causi principali dell'irregolarità mestruale. Stress che si può manifestare sotto diverse tipologie: ambientale, climatico (vi è mai capitato di riscontrare anomalie nel ciclo durante un viaggio?) o semplicemente psico-emotivo.

Quindi, se rientrate in uno di questi casi: mestruazioni troppo abbondanti o molto poco abbondanti, con cadenza prima del 25° giorno o dopo il 35° e perdite tra un ciclo e l'altro, allora è consigliato sottoporsi ad una visita di controllo. L'unico rimedio fai da te che si può adottare in presenza di ciclo irregolare è quello di eliminare qualsiasi fonte di stress, ma in tutti gli altri casi è d'obbligo una visita dal ginecologo.

Immagine | TM News

  • shares
  • Mail