Quali sono le controindicazioni dell'epilazione con luce pulsata?


La luce pulsata si utilizza per realizzare la depilazione definitiva e anche i trattamenti di fotoringiovanimento. Questa tecnica, estremamente veloce, consente di trattare zone molto estese e di ridurre, in modo progressivo, la crescita dei peli. Trae origine dal laser e in inglese è chiamata semplicemente IPL, ovvero Intense Pulsed Light. Come ogni trattamento estetico, però, ha pro e contro e bisogna fare molta attenzione a quelli che sono i rischi per la salute e anche per il portafoglio.

Negli ultimi anni i prezzi sono decisamente diminuiti, anche un ciclo di luce pulsata resta comunque abbastanza oneroso e per questo non è adatto a tutti. Inoltre, si ottengono dei significativi risultati solo se il pelo è molto scuro. Se per caso avete una peluria bionda o rossiccia, non vi conviene sperimentare, perché difficilmente la luce sarà in grado di vedere il follicolo.


Non ci sono controindicazioni particolari, ma ovviamente bisogna evitare il trattamento in caso di gravidanza, se si stanno assumendo dei farmaci che potrebbero fotosensibilizzare la pelle (come magari un semplice antibiotico o un particolare integratore alimentare), se sono presenti ferite aperte e se alle spalle c’è una storia di tumore. Inoltre, non devono ricorre alla IPL, le persone che soffrono di epilessia, che portano un pacemaker o soffrono di disturbi cardiaci, coloro che hanno la pelle troppo scura, nevi o lentiggini molto evidenti o nella zona da trattatare c’è una certa fragilità capillare.

Si consiglia di seguire la IPL solo sotto la supervisione di un medico, che prima di dare il consenso al trattamento vi informerà sui limiti e sugli eventuali rischi. Fa male? Non è totalmente indolore, ma non fa propriamente male. Assomiglia a una piccola elasticata. Possono manifestarsi nelle ore e nei giorni successivi degli arrossamenti e anche dei piccoli pomfi, che dovrebbero scomparire dopo pochi giorni. È importante, per evitare di macchiarsi (ricordiamo che la tecnica si basa su un fascio di luce), non bisogna esporsi dopo il trattamento al sole o fare la lampada. In linea di massima, i cicli di luce pulsata andrebbero fatti nel periodo invernale, proprio per non correre rischi.

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail