La ricetta delle cartellate pugliesi tradizionale

Ecco la ricetta originale per preparare delle ottime cartellate pugliesi


Le cartellate pugliesi sono un dolce tipico del Natale, una di quelle ricette che si tramandano di generazione in generazione e che fanno si che di un piatto ci siano infinite varianti. Le cartellate non mancano sulle tavole pugliesi da Natale e fino all’Epifania, si possono preparare con un po’ di anticipo e poi passarle nel miele o nel vin cotto, provate entrambe le varianti, e poi scegliete la vostra preferita.
Ingredienti

  • 1 kg di farina
  • 100 g di olio extravergine di oliva
  • 100 g di zucchero
  • 4 uova
  • Sale
  • 200 ml di vino bianco secco
  • olio per friggere
  • vin cotto o miele

Preparazione
Setacciate la farina insieme allo zucchero e al sale, mescolate bene e poi disponetela a fontana. Al centro mettete le uova e iniziate a impastare spostando verso l’interno la farina dei bordi, impastate. Incorporate il vino bianco man mano che serve, impastate bene su una spianatoia fino ad avere un composto omogeneo e liscio. Formate una palla, avvolgetela con la pellicola e poi fate riposare mezz’oretta.

Dividete l’impasto in piccole porzioni, stendetelo con il mattarello e poi passatelo nella macchinetta per la pasta, poi mettete le strisce su una spianatoia e tagliate delle strisce con una rotella dentellata. Prendete le strisce e piegatele a metà per fare un cordoncino, pgni tre centimetri circa pizzicatelo in modo da chiuderlo, arrotolate le strisce su se stesse, dovete ottenere delle simil rose.

A questo punto potete scegliere se friggere subito le cartellate in olio bollente o dopo un riposo di 5 – 6 ore. Mettete nell’olio poche cartellate per volta e poi scolatela sulla carta assorbente da cucina. In un tegame mettete il miele o il vin cotto, portatelo a ebollizione e mettete dentro le cartellate, fatele insaporire, poi giratele e proseguite dall’altro lato, scolatele e mettetele nel vassoio dove poi le andrete a servire.

Foto | da Flickr di clarita_it e Antica Locanda Alpina

  • shares
  • Mail