Polemiche in alta quota quando alla cloche c'è una donna

Sta dividendo l'opinione pubblica internazionale il caso della giovane co-pilota della Lufthansa, Maxi J., 24 anni, che qualche giorno fa ha effettuato un atterraggio da brivido all'aeroporto di Amburgo salvando la vita a 131 passeggeri e a tutto l'equipaggio, momento in cui su tutta la Germania imperversava l'uragano Emma.

Il fatto è questo: il pilota dell'aereo, un Airbus A-320, volo LH044, - che inizialmente si pensava fosse l'autore della manovra assistito dal suo secondo, una donna -, dopo aver effettuato l'avvicinamento alla pista ha provveduto ad iniziare la procedura di atterraggio, quando una violenta raffica di vento ha repentinamente sollevato l'ala destra dell'aereo portando quella sinistra pericolosamente vicina a toccare violentemente terra ad una velocità di 250 km/h: solo la sua prontezza e la sua abilità gli hanno consentito di ridare potenza ai motori e a far risollevare l'aereo riportandolo in assetto di volo e in quota (in gergo "Riattaccare"), eccovi il video.

L'aereo si è poi dileguato verso un altro aeroporto, dove è atterrato senza altri problemi. Il rischio è stato altissimo perché le scintille provocate dal contatto dell'ala con la pista ad una velocità tale possono provocare l'incendio del carburante contenuto nel serbatoio all'interno dell'ala stessa, con conseguente probabilissima esplosione.

Solo ieri è stato reso noto che alla cloche non c'era il comadante, bensì la giovane donna co-pilota, scatenando un'infinità di polemiche. Dopo che le immagini amatoriali hanno fatto il giro del mondo è stata aperta un'inchiesta per stabilire se ci sono delle responsabilità. Perchè il pilota abbia dato in mano i comandi alla sua collega Maxi J. nella drammatica fase d'atterraggio, non è ancora chiaro.

Ovviamente c'è già chi l'addita come inesperta, chi parla di mancato schianto. A nulla sono valse le dichiarazioni della compagnia aerea: "I piloti hanno reagito in modo super professionale. La loro è stata una manovra eseguita spesso durante le fasi di addestramento".

La dietrologia ora fa da sovrana, gli esperti d'aviazione stanno discutendo se la manovra sia stata solo fortunata o se non addirittura "provocata", e se il pilota non abbia aspettato troppo per risollevare l'aereo riportandolo in assetto di volo e in quota. La polemica divide l'opinione pubblica in due parti: chi pensa che sia stata un'eroina, e chi invece che per un pelo non abbia provocato una strage. Fosse stato un uomo a realizzare quella super manovra si sarebbe alzato tutto questo polverone?

  • shares
  • Mail