Le cause del ciclo mestruale irregolare e le cure per curare il disturbo


Il ciclo mestruale irregolare è davvero un disturbo molto fastidioso e può dipendere da diversi fattori. Prima di tutti i famosi 28 giorni sono un arco di tempo medio, che non tutte le donne rispettano. Se quindi per irregolare intendiamo un ciclo di 33 giorni o di 25 abbiamo frainteso il problema. Le mestruazioni si manifestano ogni 4 settimane circa e il flusso dura poco meno di una settimana. Ogni donna, però, ha un suo orologino biologico interno soggetto a variazioni.

Nel periodo di maggior fertilità, quindi dai 20 anni verso i 45 anni, è abbastanza normale che il ciclo sia soggetto a piccole variazioni: per esempio risente dello stress, del cambio di stagione, magari di una piccola depressione (anche solo fisica a seguito di una brutta influenza) o di un dimagrimento eccessivo. Esistono però delle altre cause, decisamente molto più gravi. Quali sono?

Una delle cause principali è la sindrome dell’ovaio micropolicistico, che si manifesta sia con irregolarità o addirittura scomparsa del mestruo, scompensi ormonali, sindrome premestruale decisamente accentuata, ecc. Un altro grave disturbo è l’endometriosi, ovvero la crescita dell’endometrio fuori dall’utero. Entrambi i problemi, oltre che dolorosi e invalidanti, possono ridurre notevolmente la fertilità. Come si curano? Prima di tutto con la pillola, che serve a regolarizzare il ciclo e poi aiutandosi con uno stile di vita sano e la giusta alimentazione.

Si parla inoltre di polimenorrea, quando le mestruazioni sono estremamente frequenti e lunghe, e di oligomenorrea se invece durano molto ma arrivano anche oltre la soglia dei 33 giorni. Nel primo caso è bene aiutarsi con degli integratori a base di ferro, nel secondo con delle vitamina B (acido folico). Inoltre, c’è anche un problema chiamato ipomenorrea e sta a indicare mestruazioni molto scarse.

Foto| Stetoscopio

  • shares
  • Mail