Alcune cose che odio delle donne: quelle che schiattano d'invidia e si fingono amiche

Con una piccola interruzione la scorsa settimana, rieccoci oggi con una nuova puntata della nostra rubrica al vetriolo su ciò che proprio non ci va già delle nostre "colleghe" donne. Analizziamo stavolta il fenomeno di colei che appena la conosci diventa tua amica in 5 minuti, che ogni volta che ti rivede ti ricopre di complimenti quando sei vestita malissimo ma ti ignora quando sei vestita bene: la donna invidiosa che si nasconde dietro la grande amica. Del tema dell'invidia femminile ci siamo già occupati poco tempo ma rimane sempre attuale.

Sarà capitato a tutte e non c'è bisogno di essere delle gran fighe o di vestire all'ultimo grido per strappare ondate di invidia al prossimo, perchè lo sappiamo bene: l'invidia non dipende tanto dall'oggetto ma dal soggetto, ovvero è una malattia che ha poco a che vedere con il mondo circostante ma con il rapporto che si ha con sè stessi. Anzi, spesso sono proprio delle donne belle e ammirate quelle che lanciano le frecciate più velenose.

Parlo logicamente dell'invidia "malata", di quella eccessiva e ossessiva, perchè un pò di invidia è normale che sfiori tutti ogni tanto. Ti invidio quelle fantastiche scarpette all'ultima moda, il weekend regalato dal tuo nuovo boyfriend in una località esotica, il tuo aumento di stipendio o la vincita alla lotteria. Ma almeno per quanto mi riguarda la cosa si ferma al "beata lei, vorrei anche io", ma stop.

Trovo invece insulse, fastidiose e pericolose coloro che mal nascondono il rodimento di chi - avendo necessità di stare sempre e comunque al centro dell'attenzione altrui (specie maschile) - ti riempiono di complimenti artefatti e melensi quando magari ti metti qualcosa di carino, ma ancora di più ci prendono gusto a strillare al mondo la loro adorazione nei tuoi confronti quando invece è evidente a tutti che sei una ciofeca e vorresti solo confoderti con la carta da parati.

Arrivi con un'insalatiera in testa maledicendo l'estro creativo del tuo parrucchiere e sperando solamente nella frenetica attività dei tuoi bulbi piliferi, e la stronzetta di turno ti guarda con sadismo e ti dice con tono di voce 3 ottavi sopra quanto l'orecchio umano può sostenere: oh tesoro ti sei tagliata i capelli!! Ma stai benissimo, sei un amore!!! Tu la vorresti uccidere anche perchè così facendo ha attirato l'attenzione di tutti sulla tua orribile capigliatura, magari anche di chi non avresti voluto...

A tal proposito mi sovviene un piccolo aneddoto che ha a che fare con la mia storia personale. Poche domeniche fa dovevo raggiungere degli amici per un aperitivo, e io venivo dritta dritta dallo stadio. Abbigliamento da curva sud: jeans con le tascone, maglietta sportiva, zainetto strategico. Per la dabbenaggine di un mio amico non sono stata informata che l'aperitivo si sarebbe svolto in un locale chic della Capitale perciò mi sentivo leggermente fuori posto con la mia mise da zozzona, ma pazienza.

Arrivano le ragazze vestite come modelle e il mio senso di inadeguatezza cresce. Per farmi sentire ancora più fuori posto le galline se ne escono con commenti entusiastici sul mio look sportivo, quando gli si leggeva chiaro chiaro in faccia che godevano come mandrille nel vedermi così conciata. Il loro amore nei miei confronti cresceva terribilmente ad ogni occhiata maligna che mi lanciavano, fino al punto che se ci fosse stato un cieco che passava nei dintorni avrebbe saputo della mia tenuta da stadio.

A chi non è mai capitato qualcosa di simile? Scommetto che in tante ne avreste da scrivere. E come dice il vecchio saggio: l'invidia fa male a chi la prova però scassa notevolmente le balle anche a chi la subisce!

  • shares
  • Mail