Dolori premestruali, quali cure naturali seguire per avere sollievo

Molte donne soffrono di sindrome premestruale, che provoca sintomi fastidiosi e spesso dolorosi, tra cui mal di testa e mal di schiena. Vediamo come curarli con i rimedi naturali

Mal di testa, mal di schiena, seno ipersensibile, gonfiore addominale... i dolori premestruali che le donne in età fertile, soprattutto nella fascia di età compresa tra i 20 e i 40 anni, sperimentano, sono svariati e sovente molto fastidiosi.

Si sa che la settimana che precede l'arrivo del flusso mestruale, per ragioni legate alla fluttuazione ormonale, è spesso più "spinosa" di quella del ciclo vero e proprio. La sindrome premestruale è stata per tanto tempo sottovaluta dai medici stessi, che spesso la imputavano a "fisime" della donna, ma oggi, per fortuna e finalmente, si è arrivato a comprendere che si tratta di un fenomeno fisiologico reale, contro cui dover combattere ogni mese diventa davvero sfiancante e deprimente.

Dolori-premestruali

Insomma, come si possono prevenire questi malesseri legati al ciclo femminile, senza dover ricorrere ai comuni farmaci analgesici? Pillola anticoncezionale a parte (che in effetti, producendo delle "false" mestruazioni, ci pone al riparo dalla sindrome), esistono anche dei rimedi naturali che alleviano i dolori e rendono decisamente più sopportabile la settimana che precede l'arrivo delle mestruazioni. Innanzi tutto: l'attività fisica.

Fare sport regolarmente, e soprattutto praticare durante il resto mese attività ginniche (tra cui yoga e pilates) che in modo delicato stimolino la zona pelvica femminile sono efficaci sia per prevenire i crampi mestruali che il tipico mal di schiena che precede il ciclo.

Anche l'alimentazione conta: limitare i cibi zuccherini e i carboidrati raffinati (ovvero quelli di cui, in quei giorni, si ha più voglia), così come le bevande eccitanti, il cioccolato e le proteine animali (in particolare i formaggi stagionati e i salumi), contribuisce ad alleviare il mal di testa e prevenire la ritenzione idrica.

Probiotici e cibi vegetali ricchi di fibre, invece sono un toccasana. Ma veniamo alle cure vere e proprie, per quanto riguarda la fitoterapia, i rimedi consigliati sono:


  • Calendula officinalis (da assumersi in gocce una settimana prima dell'arrivo delle mestruazioni)
  • Rubus Idaeus (estratto di lampone, anche in questo caso da assumersi una settimana 10 giorni prima del ciclo)
  • Agnocasto (ricco di fitoestrogeni, va assunto dietro controllo medico per non esagerare con le dosi)

I rimedi omeopatici, in vece, sono i seguenti:


  • Pulsatilla (consigliata contro ritenzione idrica, fame nervosa e sbalzi d'umore)
  • Sepia (contro stanchezza, irritabilità, crampi e gonfiore addominale)
  • Natrum muriaticum (contro la cefalea)
  • Nux vomica (contro fame nervosa, ma anche nausea)

I farmaci omeopatici si assumono in granuli sublinguali (5, tre volte al giorno), sempre lontano dai pasti.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail