Suocera e nuora, la psicologia ci aiuta nel rapporto con la mamma del partner

Spesso il rapporto negativo tra suocera e nuova si ripercuote sulla relazione tra marito e moglie. Ecco come la psicologia può aiutare a creare una relazione armoniosa tra le due donne

Il rapporto suocera-nuora è spesso problematico e difficoltoso, cosa che finisce per ripercuotersi negativamente anche sulla relazione tra marito e moglie.

Spesso la figura della mamma dello sposo è stata oggetto di caricature e grossolane prese in giro, ma in effetti non c'è dubbio che se esiste una persona in grado di "perturbare" un rapporto di coppia quale terzo incomodo, questa è proprio la suocera gelosa e invadente. Ma quali sono le ragioni per cui stabilire una serena ed equilibrata relazione tra le due donne più importanti nella vita di un uomo (figlie parte), è così difficile, persino arduo?

Suocera-e-nuora

Ebbene, la psicologia ci può fornire qualche chiave di lettura. Le mamme sono spesso troppo protettive nei riguardi dei loro figli maschi, e sovente l'amore che nutrono per loro diventa troppo possessivo, esclusivo, e non lascia spazio all'inserimento di una terza persona. Le madri tendono a pensare di sapere cosa sia meglio per il proprio figlio, vedendolo sempre "piccolo" e quasi non in grado di prendere da solo le proprie decisioni sulla vita.

Inoltre, un altro grosso errore compiuto da molte mamme (in Italia è un classico), è quello di non svezzare mai il figlio, rendendolo un mammone, dipendete per le cose pratiche, come il mangiare o il bucato. Ecco perché poi, quando il "cucciolo" finalmente si innamora e convola a giuste nozze, la nuora diventa una nemica che sottrae alla mamma il figlio adorato.

Anche nei casi migliori, però, le suocere tendono a guardare un po' con sospetto le nuore, e viceversa. Ma quanto, in tutto questo, giocano il pregiudizio, i facili cliché? Per stabilire un rapporto armonioso con la propria suocera, dunque, c'è bisogno innanzi tutto di considerarla non tanto (o non solo come la mamma del proprio uomo, ma anche in quanto donna, con le sue fragilità, i suoi punti di forza, la sua personalità ben precisa.

In quest'ottica, l'unica cosa da fare è quella di stabilire un contatto da donna a donna, da donne adulte, che possono stimarsi e diventare amiche. Chiedere consiglio alla suocera su questioni pratiche, ma anche su certi comportamenti del figlio per capirne le origini, può cementare un rapporto. Per avere rispetto, bisogna rispettare.

Quindi non fate i dispetti alla suocera, non parlatene mai male davanti a vostro marito, ma cercate di creare una relazione automa con lei, separata dal suo (e dal vostro) rapporto con il figlio. Parlatele di voi, fatevi conoscere. Scoprirete che quando si si è onesti, aperti, spontanei e genuini, anche l'altra persona, per quanto prevenuta, è spinta a fare altrettanto. Fatevela alleata e trovate del tempo da trascorrere sole con lei, ad esempio per un pomeriggio di shopping. Alla fine, invece di minare il vostro matrimonio, ne diventerà la più efficace custode.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: