Le conseguenze delle lampade per l'abbronzatura artificiale

L'uso eccessivo, privo di protezioni ed esagerato delle lampade per l'abbronzatura artificiale può avere conseguenze anche molto pesanti sulla salute della nostra pelle. Ecco quali sono i rischi ai quali andiamo incontro.

Quali sono le possibili conseguenze delle lampade per potersi abbronzare artificialmente? Proprio come accade per i rischi che si corrono esponendo la propria pelle ai raggi del sole in maniera irresponsabile e senza protezione, anche per l'abbronzatura artificiale sono molti i contro che bisogna tenere in considerazione.

Sono molti gli esperti che sconsigliano l'utilizzo delle lampade per l'abbronzatura o che chiedono almeno che si utilizzino delle precauzioni, soprattutto per chi ha meno di 30 anni: recenti studi hanno infatti scoperto che chi ricorre spesso all'abbronzatura artificiale corre un rischio maggiore di poter contrarre tumori della pelle, soprattutto per quello che riguarda gli under 30.

Le conseguenze delle lampade sono peggiori se non si usano le normali precauzioni che vanno utilizzate per un'abbronzatura perfetta e sana: mai esporsi ai raggi senza la protezione adeguata per il proprio fototipo e senza proteggere gli occhi con gli speciali occhialini che vengono forniti. Mai rivolgersi a centri non specializzati: controllate sempre la certificazione del salone e delle attrezzature che utilizza.

Inoltre, proprio come per l'esposizione ai raggi del sole, non bisognerebbe mai abusare delle lampade per l'abbronzatura artificiale: ne va della salute della nostra pelle, che potrebbe presto mostrare segni come macchie scure, rughe, invecchiamento precoce. Meglio un po' di tintarella in meno e magari ottenuta con più sedute ben spalmate nel corso del tempo e non tutte concentrate insieme, che dover correre ai ripari in seguito, quando spesso è troppo tardi.

conseguenze delle lampade

Foto | da Flickr di travelsalem

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail