I disegni 3D in pasta di sale da fare con i bambini

Usare la pasta di sale per la pittura 3D è un'idea davvero divertente. È facile e dà tante soddisfazioni ai piccoli di casa. Ecco come fare


Lavoretti con la pasta di sale

Se pensiamo che la pasta di sale sia buona solo per decorazioni e lavoretti "standard", come una comune plastilina, è bene sapere che la nostra amica naturale e fatta in casa ha molti assi nella manica. Ad esempio possiamo utilizzarla per fare disegni 3D insieme ai bambini, riducendola in sottili striscioline e pezzettini. Stiamo pure certe che ogni attacco d'arte dei piccoli di casa diventerà un momento divertente per tutta la famiglia.

Dopo aver preparato l'impasto seguendo la ricetta base, dovremo suddividerlo in più panetti da colorare ciascuno con una tinta acrilica differente. Se vogliamo dare un simpatico effetto iridescente a qualche pallina di impasto possiamo anche aggiungere un mix di polverine glitter.

Pasta_sale_disegni

Avvolgiamo ogni pallina in un foglio di pellicola trasparente e lasciamola in frigo fino al momento di usarla. Nel frattempo decidiamo come impiegare ogni colore e per fare che cosa. Se i bambini hanno dei libri con disegni da colorare possiamo usare quelle sagome come guida, in caso contrario possiamo cercare dei disegni in bianco e nero su internet da stampare o crearne di nostri a mano libera.

Una volta fatto un bel mucchietto di disegni su carta e cartoncino tiriamo fuori dal frigo la pasta di sale ed eventualmente impastiamola qualche minuto con le dita e un po' di farina se ci appare troppo dura o troppo umida. Ogni pallina ora è il nostro tubetto di tempera da usare a piacimento per colorare le sagome di rose, animaletti, stelle e cuori.

Per i bordi dei disegni riduciamo la pasta a piccoli e sottili serpentelli da usare come un filo di lana. Seguiamo i bordini in grassetto e facciamo aderire l'impasto di un colore, poi facciamo lo stesso con gli altri impasti sia per colorare l'interno dei disegni, sia per fare dei piccoli decori lungo i lati del foglio, tipo greche o cornici, oppure pois per riempire gli spazi.

Una volta che saremo soddisfatti del risultato mettiamo i piccoli capolavori di famiglia ad asciugare in un luogo caldo e arieggiato della casa, cercando di non lasciare la pasta a diretto contatto coi raggi del sole (rischia di creparsi). Quando i decori si saranno seccati possiamo dare una mano di colla vinilica per evitare che si stacchino dal foglio. Infine datiamoli e appendiamoli nella stanza dei bimbi, saranno un bel ricordo di un pomeriggio passato in famiglia.

Copertina | da Pinterest di Plastiquem
Gallery | Pinterest

  • shares
  • Mail