Stalking, per il Viminale sono 10mila le denunce nell'ultimo anno

Sono in significativo aumento le denunce alle forze dell'ordine da parte di persone, donne in particolar modo, vittime di persecuzione.

Come ogni Ferragosto si è tenuta ieri la conferenza stampa del Viminale con il quale si tiranno le somme dell'attività del Ministero degli Interni in tema di sicurezza. Il periodo preso in considerazione va dal 1 agosto 2013 al 31 luglio 2014 e, tra i vari dati comunicati, ci sono come sempre quelli sulla violenza di genere, un fenomeno che sembra non conoscere davvero alcuna battuta d'arresto e che le cifre enumerate ieri contribuiscono a farci rendere conto della gravità che ha assunto la problematica negli ultimi anni.

Per quanto riguarda le denunce per stalking - la legge per tutelare le vittime di atti persecutori, lo ricordiamo, è stata promulgata nel 2009 -  il Viminale ha parlato di 51.079 denunce dall'entrata in vigore della legge e 10.703 nell'ultimo anno. Il 77,96 per cento di esse sono state presentate dalle donne.

Dati allarmanti se si pensa che le donne che denunciano sono poche e non certo la maggioranza, c'è da chiedersi a che cifre si arriverebbe se tutte riuscissero a trovare la forza per denunciare.

Le vicende di cronaca nera che hanno visto come vittima una donna sembrano essere in diminuzione dallo scorso anno ma i dati sono comunque allarmanti: 446 omicidi contro i 505 dell'anno precedente; ben 153 sono stati commessi da membri della famiglia della donna. Sono 72 quelli commessi dal marito, compagno o fidanzato, 9 dall'ex partner e 72 da un altro componente della famiglia.

femminicidio1

 

 

Foto | Flickr di Ira Gelb

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail