Anoressia e bulimia nelle donne, le cause che scatenano i disordini alimentari

Sono tra le prime cause di morte nelle donne giovani: anoressia e bulimia, i due più comuni disturbi dell'alimentazione, possono mettere seriamente a rischio la salute. Vediamo perché ci si ammala

Anoressia e bulimia sono due gravi disturbi dell'alimentazione che colpiscono soprattutto soggetti femminili di giovane età. Il rischio di chi ne soffra è quello di mettere seriamente a repentaglio la propria salute e persino la vita, perché il rapporto distorto con il cibo, generato dallo scarso amore per se stesse, spinge le donne anoressiche o bulimiche a "punirsi" ogni giorno.

Si tratta di due disordini opposti ma complementari, catalogati, dal punto di vista clinico, come DCA (Disturbi del Comportamento alimentare), o DAP (Disturbi alimentari psicogeni). Sono invalidanti e pericolosi, e non è raro che una ragazza bulimica diventi poi anche anoressica. Vediamo le differenze tra questi due disturbi e quali possono essere le cause psicologiche scatenanti.

Men pass by an italian advertising campa

  • Anoressia nervosa. Essa si caratterizza per il rifiuto ossessivo del cibo, che porta a dimagrimento e deperimento progressivo e, nei casi più gravi, irreversibile. Insorge più facilmente tra le ragazze molto giovani (13-18 anni), che sono il 90% del totale dei soggetti anoressici, e si distingue in due tipologie. Anoressia di tipo restrittivo, in cui il soggetto riduce progressivamente l'introito di cibo eliminando innanzitutto quello più calorico e saporito, talvolta limitandosi a masticare (assaporandoli) alcuni alimenti per poi sputarli (fenomeno del chewing and spitting, "mastica e sputa"). Anoressia (intesa come digiuno) accompagnata da abbuffate e condotte eliminatorie, più simile alla bulimia, in cui il soggetto, dopo periodi di astensione volontaria dal cibo, assume enormi quantità di alimenti calorici che poi elimina attraverso il vomito autoindotto e l'assunzione di diuretici o lassativi. La persona anoressica si vede sempre grassa, anche quando sia palesemente sottopeso, e accompagna il digiuno ad attività fisica intensa allo scopo di scolpire il corpo. Le donne anoressiche non hanno più il loro ciclo mestruale, hanno un peso di almeno 12-15 chili inferiore al normale, e il loro dimagrimento avviene in modo repentino
  • La bulimia nervosa. Insorge ugualmente in età precoce ma può colpire anche donne più adulte (tra i 30 e i 40 anni, anche come episodi di "ritorno") e si manifesta in modi meno evidenti dell'anoressia. La persona bulimica infatti alterna un'alimentazione normale ma controllata, ad episodi di abbuffate compulsive seguiti da comportamenti compensatori come il vomito autoindotto e l'assunzione di lassativi e diuretici. Il peso, in questi casi, può anche risultare normale, o quasi, e purtroppo gli effetti devastanti di questo disturbo - scompensi elettrolitici, carenze nutrizionali, infiammazioni del cavo orale e del tubo digerente, erosione dentale, irregolarità mestruali eccetera - si evidenziano solo alla lunga e in genere gli altri non se ne rendono conto. La bulimica non appare una donna diversa dalle altre nell'aspetto, non è magrissima e in compagnia degli altri mangia normalmente. Se, però, perde il controllo, allora corre ad eliminare l'introito calorico in eccesso procurandosi il vomito. La ragazza bulimica è una maniaca del controllo ed appare molto esigente con se stessa, è spesso una studentessa modello e manifesta grandi ambizioni anche a livello professionale. Il suo look e il make up sono sempre perfetti, curati fin nei minimi dettagli

Quali sono le cause che scatenano questi disturbi complessi di natura psicologica? Innanzi tutto una eccessiva importanza attribuita al peso e all'aspetto estetico, che diventano dei veri e propri "chiodi fissi". La magrezza diventa sinonimo di bellezza e di perfezione, di autocontrollo (al contrario del mangiare, visto come atto istintivo e animalesco), di adeguatezza.

In molti casi le donne che scivolano nei disturbi del comportamento alimentare soffrono anche di dismorfismo, ovvero si vedono diverse da come sono in realtà, più grasse e meno attraenti, e la loro autostima è molto bassa. In qualche modo cercando di punirsi per non essere all'altezza di un immaginario e utopistico perfetto modello di donna, a cui tendono, un modello che in molti casi viene desunto dai media e assunto come prototipo di perfezione.

Le donne anoressiche e bulimiche hanno quindi un rapporto distorto con la realtà, non si amano e non si accettano, rendono la propria vita un inferno. Secondo alcuni studi scientifici ci sono alcuni squilibri elettrici del cervello, e una predisposizione genetica, all'origine di questi disturbi ma una cosa è certa: si può guarire.

Le terapie cognitivo-comportamentali proposte in molti ottimi Centri specializzati nel trattamento dei casi più severi di DCA possono davvero rivelarsi risolutive, a patto di iniziare i percorsi terapeutici in tempo. Scoprire i sintomi dell'anoressia e della bulimia nelle persona care che ci circondano non è facile, ma neppure impossibile, e in questi casi il rispetto della privacy non deve esistere. Prima si interviene, meglio sarà. Talvolta, significa letteralmente salvare la vita di una giovane donna.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail