Facebook e Apple pagano alle dipendenti il congelamento degli ovuli

Facebook e Apple hanno deciso di aiutare le donne in carriera che lavorano nelle loro sedi, pagando loro il congelamento degli ovuli. Sarà questa la soluzione giusta per garantire le pari opportunità sul lavoro alle donne.

Facebook e Apple sono due colossi americani che hanno deciso di aiutare le donne in carriera: le due aziende della Silicon Valley, infatti, hanno deciso di pagare a tutte le dipendenti che ne faranno richiesta la procedura che consente di congelare gli ovuli. Nel caso un giorno decidano di avere un figlio, si tratta di una procedura che potrebbe consentire loro di avere meno difficoltà. Un'"agevolazione" dedicata a tutte quelle donne che non vogliono rinunciare alla carriera, ma che vorrebbero anche diventare mamme un giorno.

Le dipendenti di Facebook possono già godere di questa agevolazione, mentre la Apple comincerà dal mese di gennaio 2015, come riferito dai rispettivi portavoce alla Nbc News: si tratta delle prime due aziende che coprono queste particolari spese, che non sono legate prettamente a motivi di natura medica. Come sottolineato da Brigitte Adams, sostenitrice del congelamento degli ovuli e fondatrice del forum Eggsurance:

Avere una carriera e anche bambini è ancora una cosa difficile da fare. Offrendo questo beneficio, le compagnie investono nelle donne sostenendo la loro decisione di condurre la vita che decidono.

Ma siamo certe che sia questo il tipo di sostegno e di aiuto che cercano le donne in carriera che vogliono anche diventare mamme? Non servirebbero, invece, maggiori tutele del posto del lavoro, aiuti (che possono essere il pagamento di una baby sitter o la creazione di nidi interni alle aziende) o agevolazioni di altro tipo? Il congelamento degli ovuli è la risposta?

apple

Via | Repubblica

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail