La perfezione ossessiona le donne americane

Vecchie barbie

Il nostro mondo è più che mai costellato da magre modelle che ci osservano dai cartelloni pubblicitari, bellissime attrici che fanno capolino in ogni film, veline che sculettano in tv, sexy soubrettes, varie miss dal fisico mozzafiato; insomma, donne bellissime a cui vorremmo assomigliare e che vorremmo a tutti i costi imitare, attraverso rigide diete e vari ritocchi di chirurgia plastica. Ma la ricerca perpetua della bellezza e della perfezione, perfezione che molte donne non riusciranno mai a raggiungere, è sicuramente dannosa per il corpo, e anche per la mente.

Questo è quanto afferma un recente studio condotto dalla YWCA USA, un'organizzazione femminile americana non profit: sembra infatti che le donne americane siano pericolosamente ossessionate dal proprio aspetto fisico. L'80% delle donne asserisce di essere molto scontenta del proprio aspetto fisico, mentre il 67% delle donne tra i 25 e i 45 anni combatte una continua lotta con la bilancia, cercando di perdere peso ad ogni costo, nonostante il 53% di esse abbia un peso normale e sia in salute.

Altro dato molto allarmante riguarda le ragazze tra i 15 e i 19 anni: il 40% delle nuove diagnosi di disordini alimentari, infatti, si riferisce proprio alle adolescenti in questa fascia di età, ma questi sintomi stanno iniziando a manifestarsi perfino nelle bambine dell'asilo. Per quanto riguarda i prodotti di bellezza, le americane non possono farne a meno e spendono ben 7 miliardi all'anno in creme, profumi e cosmetici vari. 11,7 sono invece i miliardi spesi per la chirurgia plastica ed estetica ogni anno, e dal 1997 si stima vi sia stata una crescita del 500% per ritocchi di questo genere.

Tralasciando dati e percentuali, questo studio porta sicuramente alla luce uno dei grandi problemi della nostra società: l'importante ruolo giocato dai media nelle nostre vite influenza infatti il nostro modo di rapportarci con le altre persone e ci spinge a perseguire ideali irraggiungibili, fin dalla più tenera età, dando vita a vere e proprie ossessioni.

Gli standard di bellezza proposti dalla società non sono sicuramente realistici, e non farsi influenzare non è sicuramente facile, soprattutto per le giovani ragazze. Per finire, come aggiunge Nancy Loving, la portavoce della ricerca sulla bellezza della YWCA, se ci si sente costantemente inadeguate a causa del proprio aspetto e migliorarlo diventa uno degli obiettivi principali della propria vita, è possibile che le percentuali di riuscire in altri campi, per esempio politica, scienza, arte, diminuiscano decisamente. Questo studio verrà distribuito nelle scuole degli Stati Uniti, per cercare di rendere più consapevoli i giovani e per provare ad arginare il problema. Voi che ne pensate? La situazione vi sembra preoccupante o credete che questa ossessione passerà in un secondo piano nei prossimi anni?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail