L'invidia femminile non ci rende obiettive?


Non è la prima volta che parliamo di invidia al femminile, l'abbiamo fatto soffermandoci sull'invidia per la bellezza altrui, il successo, l'amore ecc...Davvero il "mostro dagli occhi verdi" di Shakesperiana memoria alberga in noi latente, pronto ad uscire ad un minimo accenno di rivalità femminile oppure restiamo vittime di un pregiudizio che va avanti da secoli?

Leggendo questo articolo di Annalena Bennini, comparso online sul Il Foglio, il dubbio non si pone minimamente, siamo spacciate a roderci il fegato d'invidia nei secoli dei secoli. La sindrome non risparmia nemmeno le cosiddette femministe, quelle che della solidarietà femminile dovrebbero fare una bandiera:

"Le donne sono le più grandi odiatrici di donne. Se c’è una donna pubblicamente brava e pubblicamente contenta, ecco schiere di donne fiere di massacrarla in nome della femminilità."

Movente di questa riflessione è l'attacco di India Knight, giornalista del Timesonline, alla candidata repubblicana alla vicepresidenza Usa Sarah Palin (ritratta nella vignetta di Mauro Biani). Troppo bella, troppo brava, troppo mamma, troppo miss, troppo tutto. L'articolo della Benini poi sposta l'attenzione dell'invidia femminile da altri soggetti verso altri bersagli:

"Lo fanno tutte: le cinquantenni che scrivono per dire quant’è orrenda e disperata la cinquantenne Madonna (Julie Burchill per prima, poi Camille Paglia, e Camille Paglia ha sessant’anni ed è perfino femminista, e Germaine Greer, ancora più anziana e ancora più femminista), e Lidia Ravera quando scriveva che Condoleezza Rice era una scimmia in menopausa e che Veronica Berlusconi doveva assolutamente divorziare, per dignità femminile. Non c’è lealtà, nemmeno, perché queste ragazze amano dire: noi donne, e amano lamentarsi dell’ingiusta difficoltà di essere donne."

Vorrei convincermi che abbiamo un sostrato di genuina obiettività nel rapportarci tra noi donne, che non viene offuscato dal bollore dell'invidia, ma vorrei sapere cosa ne pensate voi...?

Foto | MauroBiani

  • shares
  • Mail