Un Desperate Lord tra le girls. E le tardone

Fare l'uomo di casa tra le Pink Girls mi mette un po' in imbarazzo. Il mio spazio su queste pagine nasce con una raccomandazione di fondo: non fatemi sentire come il Casanova di turno né giocare a Will e Grace. Non rispondo a nessuno dei due clichés. Sono un ragazzo che si dà le arie da Lord (è tutta apparenza), ma che alla fine ama osservare le donne con la speranza di cavarci qualcosa di buono. Il settore femminile, finora, era per me inesplorato giornalisticamente parlando. Vengo dalle beghe di tv e vorrei respirare un attimo.

Quale occasione migliore per parlare di e con le ragazze? Al nostro "primo appuntamento" vi svelo subito un segreto: ho un debole per le tardone. Quando leggo sui giornali (e perché no anche su Gossipblog) di storie tra quarantenni disperate e sbarbatelli dell'ultima ora provo sempre un pizzico di invidia malsana. Alla fine sono solo fantasie, perché certi inciuci poco ortodossi ti possono anche bloccare la digestione. Ma, come in tutte le cose, c'è tardona e tardona ed è bene fare le dovute precisazioni.

Sharon Stone e il suo baby-fidanzato di 24 anni sono lo scandalo del momento. Lei, con le sue gambe accavallate, è stata la paladina del vedo e non vedo. Oggi che le mutandine sono un accessorio fuori moda il suo record è caduto in prescrizione. Comunque non vorrei stare al posto del suo Chase: dalle foto sembra che siano reduci dal mercato del sabato più che dalla febbre del sabato sera.

In questi casi ci sono i dovuti precedenti. Demi Moore, ad esempio, è quella che può definirsi una spendida 45enne, una tardona credibile insomma con il suo Ashton Kutcher a seguito. Lui se la ride da tempi immemorabili, non ha un attimo di cedimento nonostante molte squinzie siano ben disposte ad esaudirlo... un motivo ci sarà.

Poi ci sono le sexy lady nostrane che giocano a imitare le dive d'oltreoceano. Penso a Lory Del Santo, ad Amanda Lear e, perché no, a Barbarona D'Urso, a cui va dato atto di passarsela meglio di una Marini e di una Ventura. A ognuna di loro non manca nulla per far capitolare un piccolo Lord. L'ex naufraga gode di una fama da mangiauomini pronta per l'uso, la musa di Dalì ha il suo fascino ambiguo minato da lifting snaturanti, la conduttrice bionica vanta una forma eccezionale.

Eppure, sapete che c'è? Non ci sono più le Mrs Robinson di una volta. Sfacciatamente eleganti nonostante tutto, pronte a salvare le apparenze come il sottoscritto. Quelle su cui ormai fantastichi solo guardando una serie in tv o sfogliando un vecchio libro. Tra Katerine MayFair di Desperate Housewives e Anna Karenina dell'omonimo romanzo di Tolstoj, attualmente, sono piuttosto combattuto. Chi mi aiuta a scegliere?

  • shares
  • Mail