Sono una rovinafamiglie e mi pagano per farlo


La prima persona del titolo non è da attribuire a me ma ad un’ipotetica protagonista di uno dei lavori emergenti del nuovo millennio. E nessuno si stupirà se aggiungo che viene da Giappone, patria di frequenti stramberie (almeno per noi) non solo tecnologiche.

Lo riporta Repubblica.it spiegando che si tratta di impiegate di agenzie specializzate nell’investigazione ingaggiate da mogli che vogliono chiedere il divorzio, sì, ma senza rimetterci un soldo, anzi guadagnandoci. E naturalmente se il povero marito ignaro viene sedotto e fotografato dalla rovinafamiglie professionista non ci vuole niente ad accusarlo di tradimento, dargli del porco e chiedergli alimenti stellari.

Attenzione – specificano dall’agenzia Gnc – non sono prostitute ma serie professioniste che guadagnano fino a 2500 euro al mese per sedurre mariti col beneplacito delle mogli. Vanno in missione come agenti segreti e ce n’è per tutti i gusti, perché naturalmente la rovinafamiglie viene selezionata di volta in volta secondo le preferenze del marito di turno, perché venga garantito un certo margine di successo.

Visto il successo della prima agenzia specializzata in divorzi indotti per mogli, sono nate a seguire numerose altre “aziende” simili, anche per mariti che vogliano sbarazzarsi di mogli troppo costose, insopportabili o noiose. Solo che non sembra sortire lo stesso effetto perché a quanto pare sono gli uomini i più inclini al tradimento.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail