Pasta di sale: l'impasto alternativo per lavoretti a effetto porcellana

La pasta di sale ci piace, ma il suo aspetto rustico non si adatta a tutti i lavoretti? Vero, ma con poche modifiche ne possiamo variare facilmente l'estetica. Ecco come darle un piacevole effetto porcellana

La pasta di sale, ormai la conosciamo bene, si presta volentieri a tutti i nostri attacchi d'arte, dai più semplici ai più elaborati. Eppure, il suo aspetto rustico, non sempre ci soddisfa appieno, specie quando vogliamo mettere un po' più di cura in quello che facciamo, dando un'estetica più liscia e precisa ai decori.

Fortunatamente uno dei lati positivi della pasta di sale è che gli ingredienti e i loro dosaggi si possono modificare a piacimento, variando la ricetta base in modo che sia più vicina ai nostri gusti.

Così, se già sappiamo come creare una pasta più secca perfetta per la creazione dei gioielli, oggi faremo la conoscenza di una nuova ricetta, in grado di regalarci un impasto più candido e lavoretti finiti ad effetto porcellana.

Pasta_sale_porcellana

Per un panetto serviranno:


  • 280gr di bicarbonato di sodio

  • 150gr di amido di mais

  • 1 cucchiaio raso di farina bianca 00

  • 1 cucchiaio raso di sale finissimo

  • acqua di rubinetto (circa 250gr)

Amalgamate bene il bicarbonato con l'amido di mais in una pentola con bordi alti, poi setacciate la farina e aggiungete anche il sale. Quando il composto sarà ben miscelato mettete la pentola sul fornello e aggiungete l'acqua a filo continuando ad amalgamare.

Lasciate la fiamma al minimo e continuate a girare con un cucchiaio di legno fino a che il liquido non si riduce e l'impasto diventa simile a quello per i bignè. Appallottolatelo bene prendendo dai bordi del padellino le rimanenze di pasta e poi trasferite su un piatto a raffreddare.

Quando la temperatura sarà calata potrete lavorarlo con le mani fino a che non è liscio e morbido, pronto per essere utilizzato come la normale pasta di sale. A differenza di quest'ultima, l'impasto a base di amido di mais e bicarbonato è molto più lucente e omogeneo al tatto.

Per far si che l'effetto bianco porcellana non si perda, preferite lasciar seccare i lavoretti all'aria e non cuocendoli in forno. Alla fine invece stendete sempre il flatting trasparente per tutelare i lavori dall'umidità, ma anche per esaltare la superficie lucida.

Foto | da Pinterest di Tricia Stokes

  • shares
  • Mail