Facebook censura la campagna contro la violenza sulle donne di Erik Ravelo

La campagna contro la violenza sulle donne di Erik Ravelo non è piaciuta a Facebook, che ha deciso di censurarla sul social network.

Campagna di Erik Ravelo

Facebook censura la campagna di Erik Ravelo contro la violenza sulle donne: l'artista cubano, dopo aver pubblicato la sua immagine della campagna "End Violence against Women", per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla piaga dell'abuso di genere e dello stupro, si è visto arrivare un messaggio da Facebook che lo informava che la campagna era stata bloccata.

Il tuo post non è stato messo in evidenza in quanto viola le linee guida sulle pubblicità di Facebook perché promuove prodotti o servizi per adulti, compresi giocattoli, video o prodotti per il miglioramento delle prestazioni sessuali.

L'artista cubano, famoso in tutto il mondo per la tanto celebre quanto criticata campagna UnHate di Benetton, non ci sta, ovviamente, e ha risposto con queste parole dure:

Erik Ravelo

Mi chiedo come sia possibile che qualcosa che lotta contro lo stupro e la violenza sulle donne possa essere una violazione di per sé. Facebook è inondato di messaggi d’odio, foto sexy e immagini di guerra e terrorismo. La mia arte vuole difendere i diritti delle donne e sensibilizzare le persone su questo problema. Sono un ‘artivista‘, ma questo non viene accettato.

Giusto o sbagliato censurare una campagna che vuole dire basta alla violenza contro le donne? Seppur fatta con immagini forti, non è sempre arte e impegno sociale?

Foto | pagina Facebook di Erik Ravelo

Via | Ilfattoquotidiano

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail