Fai la ninna, fai la nanna con i Take That che canta mamma: le inglesi abbandonano la ninna nanna tradizionale


Il canto materno che culla un pargolo nella notte è tra le espressioni di tenerezza più profonde dell'universo conosciuto. Cosa succede quando tutta questa tenerezza passa attraverso il brit-pop di Oasis, Take That e Robbie Williams? Forse non molto di diverso dal "fai la ninna fai la nanna bimbo bello della mamma", ma sicuramente è molto più cool.

Un sondaggio condotto dal sito per l'infanzia Baby Website ha evidenziato che due terzi delle 2000 mamme inglesi intervistate preferiscono cantare al proprio pargolo canzoni pop rispetto alle tradizionali ninne nanne.

I gruppi più utilizzati con intento soporifero si sono rivelati i Take That, sia nell'attuale quartetto che attraverso la presenza del loro membro reietto Robbie Williams. Tutto questo fermento pop sarà dovuto alla giovane età delle mamme inglesi? Più ormonalmente proiettate verso un canticchiare ritmato che il tradizionale "Humpty Dumpty"? La classifica dei brani che trovate dopo il continua lascia ampio spazio a congetture socio-pedagogiche.

1. Patience, Take That
2. Angels, Robbie Williams
3. I Kissed a Girl, Kate Perry
4. You’re Beautiful, James Blunt
5. Love Me Tender, Elvis Presley
6. Beautiful, Christina Aguillera
7. Warwick Avenue, Duffy
8. Sweet Child O’ Mine, Guns n Roses
9. Wonderwall, Oasis
10. Girls, Sugababes
11. Back for Good, Take That
12. I Will Always Love You, Whitney Houston
13. Everything I Do, I Do it for You, Bryan Adams
14. Chasing Pavements, Adele
15. I’ll Stand By You, Girls Aloud
16. Dance Wiv Me, Dizzy Rascal
17. Nothing Compares to You, Sinead O’Connor
18. You’re Flying Without Wings, Westlife
19. Put Your Records On, Corinne Bailey Rae
20. Mama, Spice Girls

Posto che tra noi e gli anglosassoni ci scorre un fiume di differenze - anzi, un Canale - chi di voi, mamme o aspiranti tali, disdegna le ninne nanne tradizionali per qualcosa di più moderno?

C'è un vostro cavallo di battaglia con cui avete fatto collassare dal sonno figli, fratellini, cuginetti, nipotini o figli di amiche? Io confesso, ho ninnato un bimbo inglese cantando Wonderwall degli Oasis, ma era il 1997, ero a Londra ed ero stata travolta in pieno dall'ondata Brit-pop. Tuttavia, al prossimo pargolo che mi capita in braccio, non escludo di ricaderci.

Via | Lastampa

  • shares
  • Mail