La storia del make-up dal secolo scorso ai giorni nostri


Sin dall'antichità il make-up è stato l'alleato numero uno delle donne, dagli antichi egizi ad oggi sono tanti i trend che si sono susseguiti, ma è nel '900 che riscontriamo il vero boom della cosmesi con tanti cambi di stile e look, scopriamoli insieme.

Era il 1909 quando nascquero le prime grandi case cosmetiche tra cui L'Orèal ed Elizabeth Arden presto seguiti dalla nascita dei brand del gruppo Estèe Lauder, proprio l'incremendo di questo segmento commerciale portò sempre più ad una diffusione del make-up che negli anni '20 si caratterizzava per labbra ciliegia e occhi "smoky", mentre le sopracciglia erano tenute sottilissime e cadenti.

Questo look da diva"sensuale" venne mantenuto anche negli anni successivi fino agli anni '50 quando vi fu un cambio di rotta che portò in voga occhi da gatta contornati da importanti righe di eyeliner e bocche color pesca, in perfetto stile Audrey Hepburn.

Negli anni '70 il make-up si trasformò ancora dando spazio ad eccessi di colore per occhi, che venivano enfatizzati da lunghe e vistose ciglia finte, e lasciavano le labbra illuminate da colori perlescenti. Il decennio successivo non fece altro che estremizzare queste tendenze marcando con colori ancora più forti e vivaci gli occhi, abbondavano nuances del viola, fuxia e verde e mettendo in primi piano anche le labbra.

Gli anni '90, invece, segnarono il ritorno al nude, un trucco più lieve e naturale valorizza il viso in modo più semplice, gli occhi si vestono delle nuance della terra, le labbra si colorano dei toni del marrone e del rosa, una tendenza questa portata avanti fino ai giorni d'oggi, anche se parallelamente si è stratto strada tra le appassionate beauty e non il mito dello "smokey eyes".

E infine, arriviamo alle tendenze più recenti che vendono il trionfo del colore, anche fluo, per il viso e per le mani, che prende vita a colpi di eyeliner colorati e smalti dagli effetti neon.

E voi? Quali di questi trend preferite?

  • shares
  • Mail