Il primo passo le donne lo fanno su Bumble

Una nuova piattaforma per conoscere l’anima gemella. Si chiama Bumble, ma qui il gioco lo conduce la donna.

bumble

Fare il primo passo con un uomo, per alcune donne, non è facile. C’è chi si imbarazza, chi è convinta che debba essere lui e chi ha paura di un rifiuto o di una figuraccia. Bumble permette di superare tutti questi timore. Che cos’è? È una nuova app che consente l’iscrizione sia agli uomini sia alle donne, ma solo le ragazze possono mettersi in contatto con un potenziale partner.

Questo social è stato inventato da Whitney Wolf, tra le fondatrici di Tinder, l'application per incontri più famosa al mondo; l’anno scorso ha lasciato il celebre gruppo per una causa per molestie sessuali e discriminazioni e si è lanciata in questa nuova avventura, che ha molto in comune con il padre Tinder.

Quali sono le analogie? Si può cercare l’anima gemella in base alle fotografie e alla localizzazione. In caso di gradimento reciproco si può avviare una conversazione in chat. Che differenza quindi c’è? Su Bumble è la donna che deve scrivere all’uomo e ha tempo 24 ore: se lui in questo tempo massimo non risponde la connessione tra loro case.

Non è finita qui: se l’uomo è interessato può estendere la casella temporale di altre 24 ore. E così via. Perché un’app con queste caratteristiche. Risponde così la Wolf:

Le donne oggi stanno prendendo il controllo di ogni aspetto della loro vita. Siamo indipendenti nelle carriere, nell'educazione ma quando si tratta di incontri continua a vigere una sorta di regola non scritta che ci vuole sedute ad aspettare che qualcuno ci scelga. Perché? E' controproducente. Le donne vogliono fare il primo passo e andare oltre ma è la società e la paura di essere percepite come "disperate" o " troppo avanti" che le spinge a tornare indietro. Fare il primo passo fa sentire una donna più sicura, confidente, e le permette di portare la conversazione nella direzione che desiderano. Bumble è una piattaforma utile a uomini e donne allo stesso modo.

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail