Le poesie da dedicare agli sposi per gli auguri più emozionanti e sentiti

Scritto da: -

matrimonio

Quando si tratta di augurare amore eterno e fare le proprie felicitazioni a due novelli sposini, spesso ci si trova in difficoltà per mancanza di idee. Le poesie al posto delle classiche e banali frasi di auguri potrebbe essere la soluzione ideale. Naturalmente la scelta sui versi da dedicare dipende molto dal tipo di rapporto che avete con i futuri sposi: più sarà stretto il vostro legame e più intima potrà essere la poesia. Ecco qualche esempio.

Il più bello dei mari (Nazim Hikmet)

Il più bello dei mari/è quello che non navigammo./Il più bello dei nostri figli/non è ancora cresciuto./I più belli/dei nostri giorni/non li abbiamo ancora vissuti./E quello che vorrei dirti di più bello/non te l’ho ancora detto.

Ho scelto te (S. Lawrence)

Nel silenzio della notte,
io ho scelto te.
Nello splendore del firmamento,
io ho scelto te.
Nell’incanto dell’aurora,
io ho scelto te.
Nelle bufere più tormentose,
io ho scelto te.
Nell’arsura più arida,
io ho scelto te.
Nella buona e nella cattiva sorte,
io ho scelto te.
Nella gioia e nel dolore,
io ho scelto te.
Nel cuore del mio cuore,
io ho scelto te.

Ti affido un uomo (Osho)

Saprai confortarlo quando avrà paura?
Saprai stringerlo quando sarà sgomento?
Saprai abbracciarlo nelle ore fredde?
Sorridi quando ti guarderà
Ascoltalo quando ti racconterà i suoi sogni
Accarezzalo quando sarà triste
Accoglilo quando sarà stanco.
Non lasciare che cada, che si faccia male.
Non lasciarlo solo
Stringilo forte nelle notti buie.
Ti mando tutto il mio amore.
Donaglielo senza paura e rendilo felice.

Infine una riflessione di Eric Fromm, psicanalista tedesco, che si avvicina molto ad una poesia:

Dare è la più alta espressione di potenza. Nello stesso atto di dare, io provo la mia forza, la mia ricchezza, il mio potere. Questa sensazione di vitalità e di potenza mi riempie di gioia. Mi sento traboccante di vita e di felicità. Dare dà più gioia che ricevere, non perché è privazione, ma perché in quell’atto mi sento vivo.

Vota l'articolo:
3.60 su 5.00 basato su 5 voti.